rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
L'incidente

Tornano a casa i vigili del fuoco feriti in una esplosione, il sindacato: "Situazione insostenibile"

Hanno ricevuto pochi giorni di prognosi, ma dovranno sottoporsi a visite specialistiche per individuare eventuali danni all'udito

Sono stati dimessi con una prognosi di pochi giorni, fortunatamente, i tre vigili del fuoco rimasti feriti ieri durante un intervento a causa di una bombola di gpl abbandonata in un canneto che era andato in fiamme. Il contenitore era esploso e la forte detonazione aveva investito i tre. Lunedì pare dovranno comunque sottoporsi ad una visita specialistica per valutare eventuali danni all'udito.

Un incidente (dovuto comunque all'incivilità dell'uomo) che ha provocato dure reazioni da parte dei sindacati di categoria. La segreteria nazionale del Mp (Movimento poliziotti democratici e riformisti) è intervenuto con una nota nella quale stigmatizza quanto avvenuto.

"Siamo solo all'inizio dell'estate e i nostri colleghi - sottolinea Alletto, segretario generale di Mp -, si trovano ad  affrontare centinaia di incendi autonomi, pochi, provocati, tanti, nell'indifferenza complessiva della società civile e delle Istituzioni preposte che, nei tempi e nei modi previsti dalla norma  devono vigilare facendo effettuare la pulizia dei terreni pubblici e obbligare i proprietari dei terreni privati a metterli in sicurezza. Occorre essere intransigenti con coloro che creano tali condizioni di pericolo".

Già nei giorni scorsi la Cisl aveva evidenziato la pesante carenza di risorse umane che riguardava il Corpo dei vigili del fuoco di Agrigento, con 45 operatori in meno di quelli previsti

Numerosi i disagi e le situazioni estreme vissute dagli operatori in questi giorni, che non riescono nonostante gli sforzi a garantire interventi in tutti i luoghi in cui si innescano incendi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano a casa i vigili del fuoco feriti in una esplosione, il sindacato: "Situazione insostenibile"

AgrigentoNotizie è in caricamento