menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ex chiesa di Santa Margherita a Sciacca

L'ex chiesa di Santa Margherita a Sciacca

"Le vie dei tesori": Sciacca si impone, ma è il successo è della debuttante Naro

Fra le new entry, la Fulgentissima ha guidato il terzetto finale e ha messo insieme 2.991 presenze, superando Sambuca e Acireale

Sciacca ha chiuso i battenti con 4.936 visitatori che hanno continuato a preferire, nei tre weekend, palazzo Lazzarini. Palazzo che, questo ultimo fine settimana, ha registrato un incremento di visite anche perché la marchesa proprietaria ha deciso di aprire al pubblico alcune stanze private della residenza, che si sono aggiunte al giardino segreto e alla camera dello scirocco. Molto visitata la torre campanaria della chiesa di san Michele affacciata sulla città e la Casa Comunale nell’ex convento gesuita. Molto frequentate le passeggiate: Sciacca, Marsala e Trapani sono riuscite a proporre programmi che il pubblico non si è lasciato scappare. Grande successo, dunque per "Le vie dei tesori" che ha chiuso l’edizione nelle prime dieci città siciliane - Trapani, Marsala, Naro, Sciacca, Sambuca, Caltanissetta, Noto, Siracusa, Acireale e Messina - con quasi 80 mila presenze (per la precisione, 77.368).

Trapani ha tenuto saldamente in pugno lo scettro di città più visitata, Messina è arrivata seconda e distanzia di poco Caltanissetta e Siracusa che sono state testa a testa fino all’ultimo coupon. A seguire, le tre “debuttanti”: Marsala, Noto e Sciacca. E tra i “borghi” più piccoli, Naro supera Sambuca e Acireale. 

Naro ha guidato il terzetto finale e ha messo insieme 2.991 presenze, superando Sambuca e Acireale. I luoghi più visitati sono il castello Chiaramontano da cui si domina l’intero borgo medievale, la chiesa di san Francesco dove il pubblico ha potuto scoprire gli armadi intagliati dei monaci; e il vicino convento, oggi sede del Comune,il cui chiostro è stato appena restituito alla città.

A Sambuca hanno funzionato molto bene i palazzi privati: i 2706 visitatori dell’antica Zabut hanno frequentato il complesso di ambienti diversi e il giardino mediterraneo che formano Casa Amodeo, ma anche il nobiliare Palazzo Planeta, con le collezioni di famiglia, e Palazzo Panitteri con il museo archeologico. Acireale chiude il festival superando di poco le 2000 presenze. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento