rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Vertenza netturbini, i sindacati: "Il Comune di Agrigento non rispetta il piano d'ambito"

È botta e risposta tra le organizzazioni sindacali e l'amministrazione comunale, dopo la conferenza stampa dell'assessore Domenico Fontana

È botta e risposta tra i sindacati e l'amministrazione comunale di Agrigento, dopo la conferenza stampa dell'assessore Domenico Fontana, sulla vertenza che riguarda il futuro dei netturbini.

LEGGI ANCHE: RIUNIONE A SORPRESA ALLA SRR, SIGLATO L'ACCORDO

Le segreterie provinciali di Fp Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, in una nota congiunta, puntano il dito contro l'amministrazione Firetto. "Se non ci saranno i licenziamenti, e continuiamo con pazienza a lavorare per questo obiettivo, - scrivono i sindacati - non è merito del comune di Agrigento che non rispetta il piano d'ambito, ma di quei Comuni che rispettano il piano d'ambito. Se ogni sindaco si comportasse come quello di Agrigento, chi avrebbe assunto i 55 lavoratori ritenuti in esubero dal Comune di Agrigento?".

"L'assessore Fontana - proseguono i sindacati - addossa la responsabilità dell'eventuale mancata ricollocazione in altri cantieri ai sindacati; se non si trattasse di cose gravi che si ripercuotono sulla serenità delle famiglie ci scapperebbe da ridere. Lui pensa che qualcuno avrebbe 'scommesso  sul fatto che il comune potesse tornare indietro sulle sue decisioni'; gli rispondiamo, che il nostro rapporto quotidiano con i lavoratori è tale che molto spesso il rapporto reciproco è amicale, altro che scommettere sulla pelle di persone con cui  siamo abituati a passare le nostre giornate insieme".  

"Affermare che il Comune 'non torna indietro qualunque cosa accada' non ci sembra una dichiarazione da 'uomini saggi', ma semplicemente da uomini che non hanno la sensibilità di comprendere quale dramma c'è dietro ogni famiglia - puntualizzano i sindacati - . Qualche lavoratore ci ha riferito che il proprietario dell'appartamento dove vive in affitto gli ha detto che trovandosi a rischio del posto di lavoro deve lasciare la casa; un'altro ci ha riferito che avrebbe deciso di mettere su famiglia ma con questa minaccia continua non trova il coraggio di avventurarsi; i mutui da pagare eccetera. Comprendiamo che certa politica abituata a speculare con arroganza e cinismo sulla pelle dei lavoratori queste cose non le comprende. Ovviamente, per quanto ci riguarda non chiediamo  assistenza sociale, nessun pietismo, semplicemente il rispetto delle regole".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza netturbini, i sindacati: "Il Comune di Agrigento non rispetta il piano d'ambito"

AgrigentoNotizie è in caricamento