Il Licata gioca al "Barbera", otto pullman in partenza per Palermo: è febbre gialloblù

Sarà una domenica più che mai speciale, più 500 persone sosterranno la squadra. I due club non si sfidano da 28 anni

FOTO UFFICIO STAMPA LICATA

Un match così, in quel di Licata, lo si attendeva da tanto tempo. I gialloblù domenica saranno di scena allo stadio “Renzo Barbera” di Palermo. La squadra, quinta forza del campionato di serie D, affronterà i rosanero.

Con uno score di undici gol segnati e sette subiti, la squadra punta a giocare una partita senza timori. I gialloblù ed i rosanero non si affrontano da 28 anni, l’ultimo precedente allo stadio “Favorita” risale a tanto tempo fa. Erano gli anni della C1. La sfida finì in pareggio.

Oggi tra Palermo e Licata sarà tutta un’altra storia. Mirri, patron dei rosanero, ha chiesto la bolgia. La stessa cosa ha fatto Santana, capitano delle “aquile”.  Stando ai numeri, il Licata,  sarà la squadra ospite con più seguito di tifosi. Al “Barbera” sono attesi oltre 500 estimatori licatesi.

In partenza, secondo quanto fatto sapere da ambienti del Licata, ci sarebbero circa 8 pullman. La marea gialloblù è pronta a farsi sentire nella grandezza dello stadio di Palermo.

Sarà big match, una partita che racconterà la verità. I licatesi sono pronti a vivere un pomeriggio speciale, molti dei giocatori gialloblu sono pronti a vivere un proprio sogno, ovvero giocare al "Barbera". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento