rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Movida / Centro città

Musica ad alto volume, schiamazzi e vaso di terracotta lanciato sulla strada: nuovo week end complicato

I carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile hanno dato la “caccia” agli spacciatori. Consapevoli del fatto che la ripresa, a pieno ritmo, della movida comporta anche un aumento delle cessioni di stupefacenti, sono stati rastrellati vicoli e cortili

Questa volta non è stato uno dei vasi di ceramica, realizzato dall’accademia delle Belle arti, situato lungo il viale Della Vittoria. Ma un vaso di terracotta, prelevato dalla villa del Sole, e scaraventato, come da copione, lungo la strada. Danni irrisori di fatto, ma è il gesto che inquieta. Perché ancora una volta, i vandali hanno manifestato la loro presenza nel “cuore” di Agrigento. E’ stata un’altra notte, quella fra sabato e ieri, di schiamazzi, di musica ad alto volume e di conseguenti segnalazioni per disturbo della quiete pubblica da parte di quanti vivono nelle vicinanze dei locali della movida, ma anche di vicoli trasformati in orinatoi pubblici. Giovani che sono stati redarguiti, talvolta anche aspramente rimproverati, dai residenti del centro storico.

Le forze dell’ordine – polizia, carabinieri, esercito e guardia di finanza - c’erano. Naturalmente, ancora una volta, nonostante le misure antiCovid si sono ormai allentate, alcuni si sono occupati delle verifiche sul possesso dei green pass rinforzati, per quanti erano seduti ai tavoli di bar, pub, ristoranti e pizzerie. I carabinieri, quelli del nucleo Operativo e Radiomobile, hanno invece dato la “caccia” agli spacciatori. Consapevoli del fatto che la ripresa, a pieno ritmo, della movida comporta anche un aumento delle cessioni di stupefacenti che avvengono appunto fra vicoli e vicoletti alle spalle dei locali della movida, i militari dell’Arma hanno setacciato da cima a fondo proprio quelle location. E’ stata un’opera, l’ennesima, di prevenzione e repressione dello spaccio di stupefacenti. Perché nonostante gli sforzi di tutte le forze dell’ordine, hashish, marijuana e cocaina continuano a circolare – e anche in grande quantità – nelle viuzze del centro storico, specie durante il week end, ossia quando i giovanissimi, soprattutto loro, si riversano, alla ricerca di svago, relax e leggerezza, nei locali della movida. Non sono stati segnalati arresti, né denunce. Ma non è escluso – anche se non ci sono conferme istituzionali al riguardo – che qualcuno possa anche essere stato pizzicato con qualche dose in tasca, ritenuta per consumo personale, e dunque che vi siano state segnalazioni alla Prefettura. Accade, anche se non fa di fatto notizia, ogni fine settimana.

L’ultimo week end comunque è andato certamente meglio rispetto a quelli precedenti quando è stato un continuo ripetersi di atti vandalici, anche di una certa importanza. Alle segnalazioni per musica ad alto volume, arrivate al numero unico d’emergenza: il 112, hanno “risposto”, naturalmente, le pattuglie di polizia e carabinieri. A quanto pare, più impianti sonori sono stati fatti spegnere, proprio per evitare il cosiddetto disturbo alla quiete pubblica. E non è escluso che, per i titolari dei locali, possano anche arrivare, nei prossimi giorni delle sanzioni. Ma è una “storia” che si ripete, sistematicamente ad Agrigento: tanto in centro, quanto – durante il periodo estivo – a San Leone. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica ad alto volume, schiamazzi e vaso di terracotta lanciato sulla strada: nuovo week end complicato

AgrigentoNotizie è in caricamento