menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Vanno al cimitero e trovano una bara sconosciuta nella loro cappella: interviene la polizia

Gli agenti del commissariato hanno subito fatto chiarezza: la cassa era stata temporaneamente lasciata nella struttura, in attesa della tumulazione

Vanno al cimitero per portare dei fiori ai congiunti defunti e all’interno della cappella di famiglia trovano una bara nuovissima, saldata di fresco. Non riuscivano a credere ai loro occhi i canicattinesi che, consapevoli del fatto di non aver avuto recentissimi lutti, non capivano la presenza di quella bara. Sconcertati e arrabbiati hanno chiamato la polizia. Al camposanto comunale è accorsa una pattuglia del commissariato di Canicattì.

Gli agenti hanno ascoltato i proprietari della cappella e hanno subito provato a capirci qualcosa. Al cimitero, a quanto pare, nessuno sapeva spiegarsi il perché quella bara fosse finita in una struttura dove non avrebbe dovuto starci. E’ stata identificata e immediatamente contattata l’agenzia di pompe funebri e subito è stata fatta chiarezza. I responsabili dell’agenzia avrebbero riferito ai poliziotti che quella bara era stata temporaneamente sistemata all’interno di una cappella privata, in attesa che la tomba dove doveva essere tumulata – a quanto pare a pochissima distanza - fosse pronta.

Una sistemazione provvisoria dunque, ma non autorizzata perché i proprietari della cappella non ne sapevano appunto nulla. I responsabili dell’agenzia di onoranze funebri si sono, ripetutamente, scusati – dopo aver appunto spiegato - con i proprietari della cappella. Non è stata ravvisata – non ce ne sarebbero le condizioni – alcuna ipotesi di reato, anche perché l’agenzia aveva appunto le chiavi della cappella privata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento