La Valle dei Templi diventa laboratorio del Mediterraneo con "Cookin Med"

È l'obiettivo dell'iniziativa che partirà dal settembre 2019 grazie allo chef "stellato" Pino Cuttaia

Il Tempio della Concordia

La Valle dei Templi per celebrare il Mediterraneo nei suoi aspetti più diversi, da quello ambientale a quello culturale, passando da quello gastronomico. 

Sono gli obiettivi di Cookin Med, l'iniziativa che partirà dal settembre 2019 nella Valle dei Templi grazie allo chef "stellato" Pino Cuttaia. L'evento, che raccoglie l'eredità di Norbert Niedekofler di Care's e Cook The Mountain, sarà illustrato a fine settembre 2018.

Al centro delle tematiche della prima edizione ci sono la sostenibilità, la lotta all'inquinamento marino, la stagionalità della pesca, la valorizzazione dei pesci poveri e il ruolo geopolitico del Mediterraneo. Cookin Med - viene spiegato dagli organizzatori - vuole essere in particolare un laboratorio di ricerca sulla gastronomia che indaga le diverse tradizioni legate ai Paesi che vivono il Mediterraneo come risorsa, passione e patrimonio.

Il progetto - viene infine specificato - sarà anche un network in cui sociologi, naturisti, scienziati, artisti e uomini di cultura possano incontrarsi e raccontare un nuovo tipo di rapporto tra sostenibilità e sviluppo, etica e consumo, mare e cucina. Pino Cuttaia sarà il capofila di un gruppo di chef durante le varie edizioni di Cookin Med che si impegneranno ad elaborare un manifesto di propositi da condividere sulla territorialità, stagionalità, nutrizione, mare e sostenibilità. Cookin Med prevede masterclass, show-cooking, talk, seminari momenti di cultura attiva come spettacoli, installazioni, cene e attività sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento