Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Valle dei templi e ordigni inesplosi, lo storico: "Da bonificare ancora molti bunker"

Dopo il ritrovamento di alcuni colpi di granata inesplosi nei giorni scorsi si torna a porre il tema di quanto lasciato sui territori dal Secondo conflitto mondiale

Il ritrovamento di alcuni ordigni all’interno della Valle dei templi nei giorni scorsi ha suscitato curiosità e, in alcuni casi, ingiustificata preoccupazione.

E' tuttavia un fatto che la nostra area archeologica sia stata coinvolta, senza fortunatamente danni rilevanti, da un' intensa fase del Secondo Conflitto mondiale.

"Tra il 12 e il 16 luglio 1943, Agrigento fu teatro di una grande battaglia tra i soldati italiani e gli americani comandati dal generale Patton - spiega lo storico e giornalista Calogero Conigliaro -. La linea era il fiume Naro, praticamente il villaggio Mosè. Ma l'ultima difesa del giorno 16  fu proprio il costone che va da porta II alla Valle dei templi. Vi erano numerose fortificazioni sopratutto a Porta aurea".

Per questo motivo sono presenti e visibili numerosi bunker, che sono stati oggetto anche di uno studio approfondito ormai quasi un decennio fa..

"Nel 2013 realizzai un censimento delle decine di fortificazioni militari della seconda guerra mondiale presente nella valle. Piazzole di artiglieria, casematte, osservatori. Un patrimonio culturale enorme mai purtroppo valorizzato. Negli anni 80 il ministero della Difesa commissionò un'importante opera di bonifica dei bunker presenti in Sicilia alla ditta Massarotti. Ma dal mio studio è emerso che non tutte le strutture siano risultate bonificare né censite ad Agrigento".

Ma quindi il ritrovamento di ordigni bellici è una eventualità che bisogna tenere in considerazione anche per il futuro

"Assolutamente sì. Non vi è però solo un problema di sicurezza ma anche di salvare strutture che ormai sono divenute a tutti gli effetti patrimonio culturale da salvaguardare. L'Ars ha approvato in tal senso alcuni anni fa una legge a tutela del patrimonio storico legato alla prima e seconda guerra mondiale. Purtroppo i progetti anche minimi di valorizzazione presentati al Parco sono stati bocciati per mancanza di fondi".

Sempre in area archeologica, ma abbastanza distanti dalla Valle si contano comunque altre testimonianze di quel passato..

"Certo che sì. Alla rupe Atenea vi sono ancora gli osservatori del comando della 207^ divisione costiera con le gallerie scavate nella collina. Un patrimonio unico al mondo: in Normandia hanno permesso di costruire una fortuna turistica, ma non qui".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valle dei templi e ordigni inesplosi, lo storico: "Da bonificare ancora molti bunker"
AgrigentoNotizie è in caricamento