rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Aragona

Vaiolo delle scimmie: due casi sospetti al Policlinico: uno arriva da Aragona

Si tratta di un 17enne di Palermo, e di un giovane migrante, arrivato da Aragona (e non da Canicattì). Il tampone per le analisi di entrambi i pazienti è stato inviato al laboratorio di virologia dell’ospedale Spallanzani di Roma. L'infettivologo Cascio: "C'è da stare attenti, ma non da preoccuparsi"

Due casi sospetti di vaiolo delle scimmie al Policlinico di Palermo. Si tratta di un ragazzo di 17 anni, di Palermo, e di un giovane migrante, sbarcato a Lampedusa nei giorni scorsi e arrivato oggi da Aragona (e non da Canicattì come appreso in un primo momento da fonti mediche) dove è ospite di un centro di accoglienza. A confermarlo a PalermoToday è l'infettivologo Antonio Cascio, professore ordinario e direttore dell'unità Malattie infettive del Policlinico. "E' atteso per domani l'esito dei prelievi effettuati sul 17enne che presenta delle lesioni agli arti". Il tampone per le analisi di entrambi i pazienti è stato inviato al laboratorio di virologia dell’ospedale Spallanzani di Roma.

La malattia contagiosa di origine virale dunque potrebbe essere arrivata anche nell'Isola. "C'è da stare attenti - tranquillizza l'esperto - ma non da preoccuparsi. Non si diffonde facilmente come il Covid, ma ci si contagia dopo un contatto stretto. Non è però possibile - conclude Cascio - prendere nessun accorgimento, solo si consiglia di evitare i rapporti sessuali con gli sconosciuti".

Ma quali sono i sintomi più comuni? Come riporta l'Ecdc, negli esseri umani il vaiolo delle scimmie si manifesta in maniera più lieve rispetto al vaiolo. Inizia con febbre, mal di testa e dolori muscolari. Come distinguere il vaiolo delle scimmie dal vaiolo? La principale differenza tra i sintomi che riguarda i recenti contagi è relativa all'ingrossamento dei linfonodi (linfoadenopatia), che invece non avviene nella malattia "classica". Il periodo di incubazione solitamente è di 7-14 giorni, ma può arrivare anche a 21. 

I principali sintomi del vaiolo delle scimmie evidenziati dall'Ecdc

Febbre
Male alla testa
Dolori muscolari
Mal di schiena
Linfonodi ingrossati
Brividi
Inoltre, entro i primi tre giorni dalla comparsa della febbre il paziente sviluppa un'eruzione cutanea, che spesso inizia dal viso per poi diffondersi sul resto del corpo. La gravità delle lesioni progredisce con il passare del tempo, fino a raggiungere lo stato di pustole ed infine croste. La malattia dura in genere tra le due e le quattro settimane, ed in Africa uccide un paziente su dieci.

(Aggiornato alle ore 9 del 25 maggio 2022)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaiolo delle scimmie: due casi sospetti al Policlinico: uno arriva da Aragona

AgrigentoNotizie è in caricamento