Cronaca

Unità di crisi dell'Asp per il Covid-19, i casi verranno concentrati negli ospedali di Agrigento e Sciacca

Tutti i presidi saranno attrezzati per percorsi diversificati “Covid” e “No Covid”, così come ci saranno operatori medici e paramedici esclusivamente riservati agli infetti

Il picco della pandemia Covid-19 – previsto per l’inizio di aprile – è vicino. Nell’Agrigentino, la Sanità si cerca di fare in fretta per non farsi trovare impreparata. S'è tenuta nel pomeriggio la prima riunione dell’unità di crisi dell'Asp. Presenti – oltre ai vertici dell’Asp - i capi dipartimento di Chirurgia e di emergenza, l’ordine dei medici e i direttori delle unità di Anestesia e Rianimazione.

Unità di crisi per il Coronavirus, i medici all'Asp: "Servono 2 Covid hospital, si crei una task force"

S'è deciso - accettando le indicazioni dei rianimatori - anche per ottimizzare al massimo gli organici, di concentrare gli eventuali Covid da trattare negli ospedali di Agrigento e Sciacca. Nella malaugurata ipotesi di ulteriore necessità di posti letto, gli ospedali di Ribera, Licata e Canicattì potranno far fronte alle necessità mediche e chirurgiche dei distretti orientali e occidentali - ha reso noto Piero Luparello, vice presidente dell'Ordine dei medici di Agrigento - . Una pianificazione che è stata anche nella speranza che non si venga a registrare un trend di contagio come in Lombardia.

Covid hospital, Firetto: "Essenziale che vi sia un punto di ricezione e assistenza sanitaria"

Stando a quanto emerge, inoltre, tutti i presidi saranno attrezzati per percorsi diversificati “Covid” e “No Covid”, così come ci saranno operatori medici e paramedici esclusivamente riservati agli infetti.

Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unità di crisi dell'Asp per il Covid-19, i casi verranno concentrati negli ospedali di Agrigento e Sciacca

AgrigentoNotizie è in caricamento