rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Il trasferimento

Uccide la suocera con un fendente alla gola: per la casalinga accusata di omicidio si aprono le porte del carcere a Petrusa

La 32enne Laura Di Dio, che avrebbe colpito con un fendente mortale alla gola la 62enne Margherita Margani, è stata interrogata dai carabinieri e subito portata nella casa circondariale agrigentina

Le porte del carcere di Petrusa si aprono per la casalinga di Pietraperzia accusata di avere ucciso la suocera con un fendente alla gola. Si tratta di Laura Di Dio, 32 anni, arrestata dopo l’omicidio avvenuto oggi in provincia di Enna. La vittima si chiama Margherita Margani, 62 anni. E’ stata interrogata dai carabinieri dopo il delitto ed è stata portata nella casa circondariale agrigentina.

Da una prima ricostruzione emergerebbe un particolare agghiacciante: dopo avere ucciso la suocera, la donna si sarebbe seduta a cavalcioni sul cadavere e avrebbe fumato una sigaretta come se nulla fosse. In base a quanto riferito da alcuni familiari, la donna, sposata con un uomo che lavora in un’agenzia di pompe funebri, soffrirebbe di depressione.

Le abitazioni di vittima e presunta omicida non sono lontane tra loro. Laura Di Dio sarebbe andata a trovare la suocera per prendere un caffè. Ma quell’incontro, bisognerà capire il perché, è sfociato nel sangue.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide la suocera con un fendente alla gola: per la casalinga accusata di omicidio si aprono le porte del carcere a Petrusa

AgrigentoNotizie è in caricamento