Turismo: crescono i pernottamenti, in calo le presenze in provincia

I dati, riferiti al 2017, fotografano una situazione in chiaroscuro per il settore, che pure ha visto negli anni una crescita molto importante delle strutture ricettive

Turismo, se la Valle cresce sempre più esponenzialmente, il settore sembra proprio non voler decollare. I dati li ha forniti - o almeno, li ha riaggregati - nei giorni scorsi la Regione Siciliana, il cui assessorato regionale al Turismo ha prodotto un report destinato a valuare lo status quo ma anche ad individuare strategie di sviluppo. Il primo dato messo sul tavolo è quello fornito dalla Banca d’Italia, che nel riportare il numero dei pernottamenti dei turisti internazionali tra il 2012 e il 2017, in provincia di Agrigento individua una crescita del 152%, ovvero da 249.784 a 629.908, un trend importante, ma non il migliore. I risultati più incisivi sono arrivati infatti a Ragusa (+347%), mentre intorno al risultato agrigentino si muovono Siracusa e Catania (+154%; +158%), ad eccezione di province come Palermo (+66%) e Messina (+28%).

Valle dei templi da record, ma il turismo in città continua a soffrire

Tuttavia, se sono cresciuti i pernottamenti, a calare è stato nella nostra provincia il numero delle presenze turistiche: se nel 2008 i turisti stranieri erano stati 800.470, nel 2015 il numero è calato a 577.109, ovvero -28%, che è il risultato negativo peggiore di tutta l’Isola, che registra complessivamente solo dati con il segno “meno” davanti. In calo molto significativo nella nostra provincia è tuttavia il turismo nazionale: tra il 2016 e il 2017 la contrazione è stata del 2% per gli arrivi (da 168.960 a 165.646) e del 4,4% nelle presenze (da 603.983 a 577.109) mentre, un po’ in modo sorprendente, i rapporti vedono una crescita molto significativa anche in province interne, come ad esempio Caltanissetta (+60,3% di presenze). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coopculture: "Qui buona sinergia pubblico-privato, pronti a nuovi investimenti"

Un calo che ha un peso, dato che guardando il tasso di internazionalizzazione, per la provincia di Agrigento solo il 44,9% dei visitatori non sono italiani nel 2017, con un lieve calo rispetto al 2016, quando erano sopra quota 45%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento