"Turbata libertà degli incanti", Corte d'appello assolve due fratelli

In primo grado erano stati condannati perché avrebbero invitato un avvocato a desistere dal presentare altre offerte per la procedura di aggiudicazione di beni fallimentari

(foto archivio)

Il tribunale di Sciacca - per l'ipotesi di reato di turbata libertà degli incanti - li aveva condannati a 10 mesi di reclusione ed alla multa di 500 euro ciascuno. La prima sezione pendale della Corte di Appello di Palermo ha riformato la sentenza di primo grado ed ha assolto due fratelli di 45 e 43 anni di Alessandria della Rocca. Lo scrive il Giornale di Sicilia. 

Il giudice monocratico del tribunale di Sciacca aveva ritenuto valida l'accusa secondo la quale i due, per l'aggiudicazione dei beni di una procedura fallimentare, un piano cantinato di un palazzo, ad Alessandria della Rocca, avrebbero intercettato davanti il tribunale un legale bivonese a cui avevano chiesto informazioni sulla gara, invitandolo a desistere dal presentare altre offerte, non sapendo, però, che il legale stava rappresentando altre parti offerenti.

Di avviso contario la Corte di Appello di Palermo che, accogliendo l'impugnazione dell'avvocato Michele Barbera, ha ribaltato la sentenza di primo grado, assolvendo i due con ampia formula.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento