rotate-mobile
Cronaca Piazza Pirro Marconi

Con il decreto di espulsione in mano, altri 200 tunisini invadono il centro città

In piazza Marconi sono rimasti a bivaccare, così come in piazzale Rosselli, attendendo l'alba. Ancora una volta, la polizia ha messo in campo un servizio di monitoraggio e sorveglianza per evitare disordini e garantire sicurezza

Sono arrivati sacchetti di plastica alla mano. E in una manciata di minuti hanno invaso piazza Marconi e piazzale Rosselli, rispettivamente zona della stazione ferroviaria e del capolinea dei pullman extraurbani. Già a partire dalla tarda serata di martedì si è registrata, nel centro di Agrigento, una nuova "ondata" di presenze - ben 200 - di extracomunitari.

Tunisi espulsi "invadono" piazza Stazione, servizio di vigilanza della polizia

Esattamente come era accaduto ventiquattro ore prima - quando i migranti a spasso erano 150 - i tunisini sono sbarcati dal traghetto di linea che collega Lampedusa con Porto Empedocle. Dalla banchina empedoclina, dove gli era stato notificato dalle forze dell'ordine il decreto di espulsione, a gruppi, lungo la statale, si sono diretti verso Agrigento. Anche loro hanno da 7 ai 10 giorni per poter lasciare il territorio italiano. Probabilmente non lo faranno. Cercheranno - come è già accaduto e, dunque, come la cronaca insegna - di raggiungere le capitali europee dove hanno familiari, amici e conoscenti.

IL VIDEO. Tunisini in giro per il centro di Agrigento

In piazza Marconi sono rimasti a bivaccare, così come in piazzale Rosselli, attendendo l'alba. Ancora una volta, la polizia di Stato ha messo in campo un servizio di monitoraggio e sorveglianza. E lo ha fatto per evitare disordini e garantire sicurezza agli agrigentini. Esattamente come era accaduto martedì mattina, la presenza dei poliziotti ha evitato che i migranti occupassero i convogli ferroviari con destinazione Palermo. Servizi mirati, sempre per evitare disordini, anche su piazzale Rosselli.

Le due aree di Agrigento però, anche ieri mattina, si sono risvegliate sudice. Ancora una volta, infatti, sono state trasformate in gabinetti pubblici a cielo aperto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con il decreto di espulsione in mano, altri 200 tunisini invadono il centro città

AgrigentoNotizie è in caricamento