"Truffe con posti di lavoro fantasma", riparte sfilata di testi al processo "Demetra"

I difensori non hanno dato il consenso a usare gli atti già acquisiti, rischio prescrizione dietro l'angolo

Sfilata di testi ma dura poco più di una decina di minuti perché tutti si limitano a dire, semplicemente, di confermare quanto dichiarato in precedenza. Il tempo, però, passa e la prescrizione, che già ha spazzato via gran parte delle accuse, potrebbe cancellare ogni cosa. Quattro anni dopo i 53 rinvii a giudizio, decisi dal giudice Francesco Provenzano, è ripartito il processo scaturito dall’inchiesta “Demetra” che avrebbe sgominato una maxi truffa ai danni di Inps e Inail attraverso la creazione di false aziende per posti di lavoro “fantasma”.

I fatti, però, sono troppo datati nel tempo e, in alcuni casi, risalgono ad oltre dieci anni fa. Di conseguenza gran parte delle accuse sono già prescritte. Ieri, fra la tarda mattinata e il pomeriggio, è stata definita la formalità dell'acquisizione delle nuove testimonianze. In realtà né il pubblico ministero né le altre parti hanno posto domande e l'udienza si è esaurita in pochi minuti. 

Per completare il dibattimento a carico di 53 imputati, evitando che il decorso del tempo lo spazzasse via del tutto, l’ex presidente della prima sezione penale Giuseppe Melisenda Giambertoni, per quasi due anni, nonostante il trasferimento alla Corte di appello di Caltanissetta, è rientrato periodicamente per evitare di dover cambiare il collegio e azzerare tutto. Fino allo scorso autunno quando un magistrato dell’ufficio ha dovuto astenersi per la maternità.

La difesa non ha dato il consenso a utilizzare gli atti e il processo, di fatto, si è bloccato con la prescrizione che spazzerà la quasi totalità dei reati. Adesso il dibattimento è ripartito davanti ai giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, e sono comparsi numerosi testi che, come pure formalità, si solo limitati a confermare la precedente testimonianza. Si torna in aula il 20 giugno.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • Specchio, specchio delle mie brame

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Incidente tra auto e scooter, ferito grave il motociclista: trasferito in elisoccorso

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento