rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Polizia

Viola il foglio di via obbligatorio per "truffa dello specchietto", denunciato

Avuta la certezza che il trentenne di Castrofilippo era ancora impossibilitato, se non preventivamente e legittimamente autorizzato, a rimettere piede in città, è stato deferito

Ad Agrigento non avrebbe potuto rimettere piede per tre anni. Era stato “colpito” da un foglio di via obbligatorio – emesso dal questore Rosa Maria Iraci – perché ritenuto responsabile di più “truffe dello specchietto”. Di quel provvedimento, il trentenne di Castrofilippo se n’è però infischiato ed è tornato appunto nella città dei Templi. Credeva verosimilmente di passare inosservato. Non è stato però così perché i poliziotti della sezione Volanti della Questura non soltanto si sono accorti che si aggirava per le strade del capoluogo, ma sono riusciti anche a fermarlo e a controllarlo.

Avuta, appunto, la certezza che il trentenne di Castrofilippo era ancora impossibilitato, se non preventivamente e legittimamente autorizzato, a rimettere piede ad Agrigento, è scattata a suo carico una denuncia alla Procura della Repubblica. Anche questo risultato non è altro che il frutto del meticoloso e capillare controllo del territorio, nonché della conoscenza diretta di alcuni soggetti ritenuti pericolosi, dei poliziotti della sezione Volanti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viola il foglio di via obbligatorio per "truffa dello specchietto", denunciato

AgrigentoNotizie è in caricamento