rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

"Cresta al Comune sui parcheggi? Ho tenuto i soldi per le spese impreviste"

Carmelo Vella, titolare della Lagana, imputato per associazione a delinquere e truffa: "Non ho pagato canone e percentuale per compensare"

“Non ho corrisposto il canone annuo al Comune e la percentuale sugli incassi perché dovevo compensare le maggiori spese che ho sostenuto rispetto alle previsioni del bando”. L’agrigentino Carmelo Vella, 59 anni, titolare di fatto della cooperativa “Lagana”, che gestiva i parcheggi della Valle dei Templi, giustifica così gli ammanchi contestati dalla Procura che lo ha mandato a processo, insieme ai figli Giuseppe e Sonia, 34 e 35 anni, e altri tre imputati con le accuse di associazione a delinquere e truffa aggravata e continuata ai danni di Comune e Parco.

La ditta che aveva in gestione, nel 2011 e nel 2012, l’appalto del parcheggi, – secondo l’ipotesi della Procura – violando le procedure previste dal bando e la convenzione stipulata fra il Comune e il Parco, avrebbe omesso di informatizzare la gestione del parcheggio utilizzando le park card e applicando prezzi maggiori. “Non ho informatizzato i parcheggi – ha detto Vella rispondendo al pubblico ministero Elenia Manno – perché c’erano dei problemi tecnici. Avevo tutto l’interesse a farlo perché avrei risparmiato almeno sette o otto dipendenti addetti alle casse”. Nella lista degli imputati anche Alfonso Zammuto, 69 anni, altro responsabile della Lagana e due funzionari del Parco: Roberto Sciarratta, 58 anni, e Maurizio Attanasio, 58 anni. A loro si contesta di avere consentito l’utilizzo di park card non registrate che, quindi, consentivano di sfuggire ai controlli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cresta al Comune sui parcheggi? Ho tenuto i soldi per le spese impreviste"

AgrigentoNotizie è in caricamento