rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

"Truffa nella vendita dei farmaci", dopo due anni processo verso l'azzeramento

Il presidente del collegio Luisa Turco si è accorta di avere autorizzato alcune intercettazioni durante le indagini, circostanza che la renderà incompatibile. Il 20 dicembre la decisione

"Mi sono appena accorta che agli atti c'è un decreto che autorizza la proroga delle intercettazioni durante le indagini firmato dal presidente del collegio". Dopo oltre due anni dai rinvii a giudizio, quando la "battaglia" giudiziaria era entrata nel vivo con l'audizione di diversi testimoni e uno scontro fra accusa e difesa sull'uso delle intercettazioni fatte da un investigatore privato, il processo su una presunta maxi truffa nella vendita dei farmaci che avrebbe avuto nel farmacista Mario Terrana, finito agli arresti domiciliari nell’aprile di tre anni fa, il personaggio chiave, è destinato a un nuovo azzeramento.

Il presidente della seconda sezione penale Luisa Turco, come ha spiegato ieri mattina durante l'udienza, guardando alcuni atti si è accorta di avere messo la firma su un decreto che autorizzava la proroga delle intercettazioni - atti firmati a migliaia ogni anno dai vari gip - e la circostanza la rende incompatibile a celebrare il dibattimento, a carico di dieci persone, fra farmacisti, medici e loro collaboratori, che è ampiamente iniziato. 

Gli imputati secondo l'accusa avrebbero venduto dei farmaci sottobanco nella parafarmacia di Terrana levando il codice identificativo e utilizzando le ricette fornite dai medici compiacenti a insaputa dei loro stessi clienti. 

La decisione, come prevede il codice, sarà presa dal presidente del tribunale Pietro Maria Falcone e sarà comunicata all'udienza del 20 dicembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Truffa nella vendita dei farmaci", dopo due anni processo verso l'azzeramento

AgrigentoNotizie è in caricamento