rotate-mobile
Cronaca

Travelexpo fa tappa in città, esperti a confronto su turismo culturale e religioso

Secondo seminario della Borsa del Turismo Globale, in collaborazione con l’assessorato regionale ed il Distretto turistico Valle dei Templi

Gli "stati generali" del turismo riuniti ad Agrigento, in attesa della riapertura del Palacongressi di Villaggio Mosè. Si è discuso di turismo culturale e religioso all'ex Collegio dei Filippini, nel corso del secondo appuntamento del ciclo di seminari “Sulle tracce del turismo ritrovato, dal congressuale al religioso”, previsto tra le azioni di Travelexpo, la Borsa del Turismo Globale, in collaborazione con l’Assessorato regionale al Turismo e il Distretto Turistico Valle dei Templi.

 “Questa stagione positiva – ha detto Toti Piscopo, editore di Travelnostop, salutando gli intervenuti ed aprendo i lavori  – riaccende le speranze e ha il grande merito di aver dimostrato, a livelli diversi, che il turismo è un settore economico produttivo in grado di distribuire benefici economici diffusi sul territorio. Ma al di là di tale legittima soddisfazione e trionfalismi, questa stagione non è rappresentativa della realtà. Le nostre criticità rimangono tutte".

“I lavori di ristrutturazione del Palacongressi inizieranno dopo la pausa estiva – ha annunciato Giuseppe Parello, direttore Parco Archeologico e Paesaggistico Valle dei Templi – la Finanziaria 2016 infatti ha assegnato all’Ente Parco la gestione dell’immobile attingendo alle risorse derivanti dallo sbigliettamento. In realtà, però solo da pochi giorni, siamo riusciti a farci consegnare il Palacongressi dall’assessorato regionale all’Economia. I lavori sono già stati appaltati e dunque partiranno a breve; all’incirca dureranno quattro mesi perché l’obiettivo non è il rinnovo totale della struttura ma il ripristino degli impianti. Innanzitutto saranno rese agibili due sale, Concordia e Zeus.  Per quel che riguarda la Valle dei Templi – ha aggiunto Parello – l’aumento dei visitatori è galoppante e si attesta al +24% da gennaio 2017 a oggi".

Sul versante del turismo religioso, invece, don Giuseppe Pontillo, direttore dei Beni culturali dell'Arcidiocesi di Agrigento, ha sottolineato la crescita dei Percorsi Arte & Fede. “Nel giro di tre anni – ha spiegato – siamo passati da poche centinaia di visitatori alle 25 mila del 2016 e ai numeri di quest’anno che fanno registrare un +50% di visitatori paganti rispetto allo scorso anno nei primi sei mesi del 2017. Forti di questo successo adesso stiamo lavorando per allargare il campo d’azione dei Percorsi Arte & Fede alla provincia e abbiamo lanciato anche un percorso dedicato alla legalità che parte dall’incontro ad Agrigento di Giovanni Paolo II con i genitori di Rosario Livatino, il giudice ragazzino ucciso dalla mafia nel 1990”.

Nella riapertura del Palacongressi ripone grandi speranze Paolo Pullara, presidente di Assohotel Area Sicilia Centro Meridionale: “Speriamo in una rapida riapertura per ridare vita al settore congressuale che nella nostra città aveva iniziato a dare i primi segnali positivi. Basti pensare che nel 2007 Agrigento e il Palacongressi ospitarono il Congresso nazionale dell’Ordine degli Ingegneri con più di mille delegati partecipanti. In quell’occasione Agrigento registrò circa 10 mila presenze e la città fece una gran bella figura”.

Carmelo Cantone, presidente Abba (associazione B&B Agrigento), ha ribadito il contributo che la ricettività extralberghiera offre al territorio in termini economici e di posti di lavoro. “Inoltre – ha aggiunto - abbiamo adottato una nuova formula gestionale che si muove nell’ottica dell’associazionismo per cui ciascun B&B non dispone di 5 camere ma ne può mettere a disposizione anche 100 come se tutti insieme fossimo una sorta di grande albergo diffuso. Altra peculiarità è che forniamo informazioni e mappe della città oltre che notizie circa gli eventi programmati nella Valle dei Templi”.

Prima uscita pubblica per Giuseppe Ciminnisi, presidente Fiavet Sicilia, che ha ricordato come per la prima volta la presidenza della federazione degli agenti di viaggio sia andata ad Agrigento. Ciminnisi infatti è titolare della Platani Travel, agenzia di San Giovanni Gemini.

A Gaetano Pendolino, amministratore del Distretto Turistico Valle dei Templi, è invece toccato il compito di tirare le somme: “Da qualche anno c’è una crescente consapevolezza sia da parte del pubblico, in primis con l’amministrazione del Parco della Valle dei Templi, che da parte dei privati, che fare sinergia può servire a ottenere risultati anche se ognuno deve rinunciare a qualcosa. Ma siamo ottimisti: le idee cominciano a circolare e l’obiettivo di fare percorsi unitari si fa sempre più concreto”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travelexpo fa tappa in città, esperti a confronto su turismo culturale e religioso

AgrigentoNotizie è in caricamento