rotate-mobile
Cronaca

"Tratta di migranti clandestini e contrabbando", azzerato processo per 4 imputati

La Corte di assise di Palermo non è competente perché l'organizzazione si sarebbe radicata a Trapani, diversi agrigentini coinvolti

La Corte di assise di Palermo non è competente per territorio in quanto l’organizzazione criminale si sarebbe radicata in provincia di Trapani: il processo scaturito dall’operazione “Barbanera”, che ipotizza una tratta di clandestini dalla Tunisia e un giro di contrabbando, è stato azzerato.

La decisione, dopo che la questione è stata sollevata dal pm, è della Corte presieduta da Alfredo Montalto. Gli imputati di questo stralcio sono quattro. Si tratta di Filippo Solina, di Lampedusa, 51 anni, Salvatore Spalma, di Agrigento, 30 anni, Fadhel Moncer, 38 anni, tunisino e Nabil Zouaoui, 56 anni, anch’egli tunisino. Gli altri dieci imputati hanno scelto il giudizio abbreviato. Il processo, quindi, è stato azzerato e ripartirà davanti alla Corte di assise di Trapani. I difensori (fra gli altri gli avvocati Salvatore Pennica, Giacomo La Russa e Cinzia Pecoraro) avevano chiesto anche la nullità del decreto che disponeva il giudizio immediato per alcuni presunti vizi di notifiche.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tratta di migranti clandestini e contrabbando", azzerato processo per 4 imputati

AgrigentoNotizie è in caricamento