Tragedia della zona industriale, la ditta: "Ci stringiamo al dolore della famiglia"

La Mgc Srl sta garantendo piena collaborazione all’Autorità giudiziaria, chiamata a chiarire le cause dell’incidente "ad oggi - dicono - inspiegabili"

"La Società Mgc Srl, nella persona dell’amministratore e dei dipendenti tutti, esprime cordoglio e vicinanza alla famiglia di Massimo Aliseo, vittima di un tragico incidente avvenuto ieri pomeriggio all’interno dello stabilimento di Aragona".

Scoppia bombola d'ossigeno alla zona industriale, muore ventottenne

Inizia così una nota inviata alle testate giornalistiche dalla società proprietaria dello stabilimento della zona Asi dove ha perso ieri la vita un operaio 28enne, da meno di un mese diventato papà di una splendida bimba. Una nota per "condividere" il dolore ma, anche, per difendersi in un certo senso dalle prime ricostruzioni giornalistiche che vedevano nella morte di Aliseo la "solita" morte bianca sul luogo di lavoro.

Reazione della Uil: "Le istituzioni devono fare di più per prevenire gli incidenti"

"La Mgc  - continua la nota - da decenni operante nel settore dei gas medicali, risponde ai massimi standard di sicurezza del settore e sta garantendo piena collaborazione all’Autorità giudiziaria, chiamata a chiarire le cause dell’incidente ad oggi inspiegabili. La società - si legge ancora  - è sarà vicina in tutti i modi alla giovane moglie e i figli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La società sportiva Olimpica Akragas: "Vicini alla famiglia di Massimo"

La morte di Aliseo ha molto scosso in città, non solo perché,come dicevamo, si trattava di un operaio di giovane età da poco diventato papà, ma anche perché era una persona abbastanza conosciuta in certi ambienti, come quelli della curva della tifoseria dell'Akragas, che proprio ieri ha espresso la propria solidarietà alla famiglia. Pur essendo originario di Canicattì, Massimo era infatti da diversi anni ad Agrigento. Non è ancora nota la data del funerale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento