menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Terremoto e mancata ricostruzione, Valenti scrive a Mattarella

Il sindaco ha avvisato il capo dello Stato che il 15 gennaio, alle ore 10.30, il consiglio comunale di Santa Margherita di Belìce si riunirà a Roma in piazza Montecitorio

Mancato completamento della ricostruzione di Santa Margherita Belice dopo il terrempo del 1968. Il sindaco della città, Franco Valenti, prendendo spunto dal discorso di fine anno del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scritto al capo dello Stato. Ed ha ribadito "che dopo 51 anni dal terremoto che ha colpito la Valle del Belìce esiste una ferita ancora aperta". "Santa Margherita Belice, Comune di 6.400 abitanti, distrutto dal sisma del 1968, dopo mezzo secolo ha ancora un popoloso quartiere senza opere di urbanizzazione primaria e 84 prime unità abitative da ricostruire" - ha spiegato, secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, il sindaco Valenti - . "La nostra comunità ha sperato, a seguito della Sua gradita visita in occasione del 50° anniversario del sisma, che il nuovo Governo potesse rimettere in agenda la questione Belìce. Purtroppo così non è stato. La nuova finanziaria, come le precedenti dei Governi di centro sinistra, non ha previsto alcuna somma per il completamento della ricostruzione, mortificando ancora una volta le legittime aspettative dei miei concittadini".

Valenti ha comunicato anche: "Presidente, certo di un suo autorevole intervento volto a chiudere definitivamente una imbarazzante e triste pagina della storia d’Italia, le comunico che il 15 gennaio 2019, alle ore 10.30, il consiglio comunale di Santa Margherita di Belìce si riunirà a Roma in piazza Montecitorio". Santa Margherita è l'unico Comune della Valle che ha ancora un quartiere, dove sorgeva l’ex baraccopoli, con cinquecento abitanti senza opere di urbanizzazione a causa dei mancati finanziamenti. Nel quartiere Pasotti vi abitano famiglie, che nonostante la casa l’abbiano costruita, vivono senza strade, illuminazione, fognature, rete idrica, elettrica, telefonica e metanizzazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento