Domenica, 21 Luglio 2024
Tribunale / Licata

"Mi hanno massacrato di botte e sparato addosso, li ho denunciati ma non vivo più": racconto choc della vittima

Un sessantenne rivela in aula di avere perso 65 chili a causa delle aggressioni immotivate di due pregiudicati. "Hanno distrutto Licata, sono sicuro che prima o poi riusciranno a uccidermi"

"Prima mi hanno picchiato selvaggiamente in un bar, poi mi hanno sparato addosso e hanno continuato a minacciarmi e mandarmi persone per dirmi che dovevo ritirare le denunce. Non lo farò mai anche se mi hanno distrutto la vita, a causa loro per un periodo non sono più uscito da casa e ho perso 65 chili. Prima o poi riusciranno a uccidermi".

Drammatico racconto in aula di un sessantenne, presunta vittima - in questo procedimento - di un tentato omicidio da parte di due pregiudicati licatesi che, in precedenza, avrebbero trasformato la sua vita in un incubo massacrandolo di botte, minacciando lui e tutta la sua famiglia e tormentandolo per anni.

"Perchè lo hanno fatto? Senza motivo - ha risposto l'uomo al pubblico ministero Cecilia Baravelli -, solo perchè si sentono i padroni di Licata. Sono entrati in casa mia dicendo a mia moglie che comandavano loro e doveva fare quello che dicevano, mi hanno massacrato di botte in un bar e hanno provato a spararmi addosso per fortuna senza riuscirci".

Il processo, in corso davanti ai giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, è quello a carico dei licatesi Angelo Antona, 37 anni, ed Antonio Casaccio, 29 anni, accusati di tentato omicidio. A raccontare, fra mille tormenti e pure un malore ("esco di qua e mi ricovero di nuovo in ospedale") è stata la vittima.

"Ero in sella alla moto - ha detto rispondendo al pm e al difensore degli imputati, l'avvocato Graziano Magliarisi -, li ho incrociati su un'altra moto e mi hanno sparato addosso. Non mi hanno preso ma volevano uccidermi". L'uomo ha poi raccontato di avere avuto un fortissimo stress a causa delle numerose aggressioni subite. "Li ho sempre denunciati ma la verità è che mi hanno logorato il cervello, non vivo più". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi hanno massacrato di botte e sparato addosso, li ho denunciati ma non vivo più": racconto choc della vittima
AgrigentoNotizie è in caricamento