Tentati omicidi e traffici di armi e droga, Procura e Squadra Mobile in missione in Belgio

Inquirenti e investigatori hanno interrogato, a Liegi, alcune persone che avevano assistito all'agguato a Saverio Sacco e alla sua famiglia e hanno riscontrato le dichiarazioni di Mario Rizzo

Vi è un evidente e persistente intreccio tra i gravi delitti commessi in Belgio, nel distretto di  Liegi in particolar modo, e quelli commessi in provincia di Agrigento. Un intreccio che è collegato a traffici internazionali di armi e stupefacenti. Missione in Belgio per il procuratore aggiunto Salvatore Vella, il sostituto Alessandra Russo, e il vice questore aggiunto Giovanni Minardi che è a capo della Squadra Mobile della Questura di Agrigento. Procura e polizia, grazie ad audizioni e riscontri a dichiarazioni già acquisite, hanno assodato quello che, da tempo, già ipotizzavano.

L'agguato al ristoratore, i giudici: "Il pentito Rizzo credibile ma non riscontrato"

La trasferta della Procura e della Squadra Mobile di Agrigento viene fatta nell'ambito di una attività di collaborazione investigativa internazionale. Il procuratore aggiunto Salvatore Vella, il sostituto Alessandra Russo e il dirigente della Squadra Mobile, Giovanni Minardi, hanno interrogato - a Liegi - alcune persone che avevano assistito al tentato omicidio di Saverio Sacco e della sua famiglia. Tentato omicidio avvenuto, proprio a Liegi, il 28 aprile del 2017.

L'agguato in Belgio, Mario Rizzo ha parlato anche con i magistrati della Dda 

Gli elementi raccolti, insieme alla sezione omicidi della polizia giudiziaria federale di Liegi e al giudice istruttore del tribunale di Liegi, Viviane Joliet, hanno portato ad importanti riscontri alle dichiarazioni che Mario Rizzo ha già offerto - in merito alla ricostruzione del tentato omicidio - ai poliziotti e Pm italiani. L'ottima collaborazione tra inquirenti italiani e belgi è andata avanti anche con uno scambio di informazioni e documenti e si è conclusa con un concreto impegno a rivedersi presto. Perché gli intrecci criminali possono essere contrastati efficacemente soltanto con una forte intesa e con un continuo scambio di informazioni tra le istituzioni preposte alla lotta alla criminalità.  

Il pentito Rizzo davanti al gip: "L'agguato a Sacco organizzato da Prestia, con la mafia non c'entro"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento