"Minacce per porre fine a un contenzioso", chiesto rinvio a giudizio di un funzionario

Il pubblico ministero Antonella Pandolfi ha sollecitato il processo per l'ingegnere Filippo Napoli, responsabile del settore Infrastrutture del Libero Consorzio

Tentata concussione perchè avrebbe minacciato una coppia di coniugi di Licata di attivare le procedure di revoca dei passi carrabili se non avessero ritirato un'istanza di annullamento di un'asta pubblica.

Lo scrive oggi il quotidiano La Sicilia. Il pubblico ministero Antonella Pandolfi ha chiesto il rinvio a giudizio dell'ingegnere Filippo Napoli, responsabile del settore Infrastrutture del Libero Consorzio. La vicenda risale al 7 ottobre del 2014. Napoli avrebbe tentato di imporre il ritiro di un'istanza di annullamento, relativa alla vendita di un relitto stradale, che era stato aggiudicato ad altri privati e la coppia rivendicava.

Napoli, per convincerli a non dare seguito al contenzioso, avrebbe prospettato di revocare loro le autorizzazioni per la collocazione di alcuni passi carrabili.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento