rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Polizia e carabinieri / Canicattì

Prova a rapinare un ambulante e si scaglia contro i poliziotti: bloccato con il taser e arrestato

Il già sorvegliato speciale trentacinquenne, dopo che era stato messo ai domiciliari, è stato trasferito, in esecuzione di un'ordinanza di aggravamento, alla casa circondariale "Pasquale Di Lorenzo"

Ha cercato di rapinare un commerciante ambulante, minacciando di morte quanti di passaggio si sono soffermati ad assistere. All'arrivo dei poliziotti ha continuato con le minacce e si è scagliato contro i due agenti che hanno dovuto utilizzato il taser per immobilizzare il canicattinese trentacinquenne. L'uomo, già sottoposto alla sorveglianza speciale, è stato accusato di resistenza, violenza, minaccia a pubblico ufficiale e lesioni personali ai due poliziotti intervenuti in via Toselli. E dopo l'inferno di domenica scorsa, ieri - in esecuzione di un'ordinanza di aggravamento della misura cautelare dei domiciliari - i carabinieri della compagnia lo hanno ri-arrestato  e trasferito in carcere. E lo hanno fatto sulla base del provvedimento, appunto, del tribunale di Agrigento. 

Momenti di caos in via Toselli

Domenica mattina, in via Toselli a Canicattì, sono intervenuti i poliziotti del commissariato cittadino e, poi in ausilio, i carabinieri perché il 35enne sorvegliato speciale stava cercando di rapinare un marocchino, commerciante ambulante, che aveva allestito una bancarella sul marciapiede. Quando i poliziotti sono arrivati, il canicattinese ha iniziato a insultarli ed ha minacciato di morte, scagliandovisi contro, un canicattinese di passaggio. Gli agenti sono riusciti, senza non poche difficoltà, a bloccare il 35enne che, intanto, continuava a minacciare di morte quanti si soffermavano ad assistere e inveire, con frasi razziste, contro l'immigrato. A questo punto, gli agenti - tentando di contenere la furia incontenibile del canicattinese - hanno usato i taser e sono riusciti a bloccare l'uomo. 

Due arresti in 4 giorni

Già domenica, il trentacinquenne è stato arrestato dalla polizia. E le ipotesi di reato contestate sono state: resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, nonché lesioni personali a due agenti. Ieri, poco prima dell'ora di pranzo, i carabinieri della compagnia di Canicattì hanno eseguito l’ordinanza di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del sorvegliato speciale. Dai domiciliari quindi, il trentacinquenne è passato alla casa circondariale "Paquale Di Lorenzo" della città dei Templi. 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prova a rapinare un ambulante e si scaglia contro i poliziotti: bloccato con il taser e arrestato

AgrigentoNotizie è in caricamento