Tenta di investire poliziotti al posto di blocco, Camilleri condannato per direttissima

Il ventenne è stato arrestato il 27 gennaio. Il giudice gli ha inflitto otto mesi di reclusione

Salvatore Camilleri

Otto mesi di reclusione senza neppure la sospensione condizionale della pena: il giudice monocratico Maria Alessandra Tedde ha condannato Salvatore Camilleri, 20 anni, arrestato dai poliziotti il 27 gennaio dopo che avrebbe tentato di investire gli agenti e fuggire al posto di blocco. La pena, che peraltro non è stata sospesa, è superiore di due mesi di quella chiesta dal pubblico ministero Roberto Gambina.

Il giovane, difeso dagli avvocati Daniele Re e Serena Gramaglia, era accusato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Durante un controllo sul territorio di Porto Empedocle, i poliziotti delle "Volanti" avevano notato la Fiat Punto guidata dal giovane che peraltro è noto agli ambienti investigativi.Visto che il ventenne risultava essere sottoposto all'obbligo di dimora ad Agrigento nell’ambito di un’indagine per rapina che gli ha comportato anche una condanna in primo grado, gli agenti imponevano l'alt al quale non si sarebbe fermato e, anzi, avrebbe cercato di investire un agente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento