Teatro territoriale, Gaziano: "Al Pirandello c'è sempre stato"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

A proposito di teatro territoriale al Pirandello - presentato come novità assoluta - vorrei ricordare per giuste ragioni storiche culturali e teatrali che il Teatro Pirandello ha ripetutamente tenuto presente le realtà teatrali di Agrigento e provincia:

- Michele Guardì direttore artistico:si realizzò la rassegna Stagione del teatro popolare con compagnie dell'agrigentino con Franco Catalano,e poi Enzo Catanzaro e ancora con la Compagnia de I Dioscuri (nomi di sicuro livello artistico anche affermati su piano regionale e nazionale)

- Giangranco Jannuzzo -direttore artistico: si propongono a conclusione dei suoi cartelloni teatrali tra il 2010 e il 2014 gli spettacoli realizzati con la regia del sottoscritto “La Sagra del Signore della nave” (150 artisti territoriali coinvolti) e”Lumie di Sicilia” (50 artisti territoriali coinvolti) tra attori,attrici,danzatori,danzatrici,cori polifonici e bande musicali,con un successo attestato dal pubblico terriroriale ( abbonati e non) e da pubblico nazionale presente in occasione del Congresso nazionale dei Maestri del Lavoro,presidente il Cav. Messina.

- Mario Gaziano consulente artistico unico del Teatro Pirandello 2014-2015 inserisce nel cartellone ufficiale del Pirandello (con la collaborazione attiva di Luigi Ruoppolo) la iniziativa “Il Teatro Pirandello in Città e nella Valle die templi” coinvolgendo le compagnie storiche e prestigiose del territorio:

- Compagnia teatrale di Nenè Sciortino

- compagnia del Piccolo teatro Pirandelliano di Lia Rocco e Rosa Maria Montalbano

- compagnia teatrale di Franco Di Salvo

- Compagnia teatrale Pirandello festival

- Compagnia teatrale di Alfonso Marchica

rappresentando Sciascia,Pirandello, Brecht, Ionesco, Plauto, Marziale e altri nei luoghi storici culturali della città; Aula Magna Università di Agrigento, Teatro della Posta Vecchia, Sala Telamone Museo Archeologico di Agrigento, sala Gianbecchina ai Filippini, Auditorium di Casa Sanfilippo. Tanto per giusta precisazione storica: tutto realizzato - a bassissimo costo - senza pompa e pomposità di altisonanti conferenze- stampa. La storia della città ha le sue ragioni. Ragioni che vanno conosciute e rispettate.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento