rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca

"Accusò ex sindaco e assessori di avere usato i soldi della tassa di soggiorno per le indennità", prosciolto Di Rosa

Il gip archivia l'indagine: alcuni componenti della giunta non si erano opposti alla richiesta del pm e altri avevano ritirato la querela. Il vice presidente del Codacons: "Ho commesso un errore in buona fede, li ringrazio per la comprensione"

Il gip di Agrigento ha archiviato l'indagine a carico dell'ex vice presidente del consiglio comunale Giuseppe Di Rosa accusato di diffamazione in seguito alle denunce dell'ex sindaco Calogero Firetto e degli assessori della sua giunta che aveva accusato di avere utilizzato le somme della tassa di soggiorno per il pagamento delle indennità di carica.

Alcuni di loro hanno ritirato la denuncia, altri non si sono opposti alla richiesta del pm. Di Rosa, attuale vice presidente del Codacons, ammette l'errore e si scusa con l'ex sindaco Firetto e gli assessori Amato, Patti, Musca, Hamel, Riolo e Battaglia.

"Sono felice, con questa ulteriore archiviazione tutte le pendenze giudiziarie nei miei confronti si spengono. Ero in buona fede - dice -, non ho mai voluto offendere la dignità personale di alcuno. E' vero che con qualche mia esternazione mi sono fatto prendere la mano e che, in effetti, è stato un errore affermare che le somme della tassa di soggiorno erano state utilizzate per pagare le indennità. I miei denuncianti hanno capito e da buoni padri e madri di famiglia hanno perdonato e ritirato le loro querele o non si sono opposti al giudizio del gip, mi torno a scusare con loro e li ringrazio pubblicamente". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Accusò ex sindaco e assessori di avere usato i soldi della tassa di soggiorno per le indennità", prosciolto Di Rosa

AgrigentoNotizie è in caricamento