menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa di soggiorno, l’associazione Bed and Breakfast incalza il Comune

Il presidente Giovanni Lopez chiede un incontro al sindaco, Lillo Firetto, per chiarire alcuni aspetti relativi al regolamento, tra cui la quantificazione relativa all'extra-alberghiero

Un nuovo incontro con l’amministrazione per discutere l’applicazione della tassa di soggiorno per i turisti. A chiederlo è il presidente dell’associazione Bed and Breakfast Agrigento, Giovanni Lopez che ha scritto al sindaco Lillo Firetto per chiarire alcuni aspetti relativi al regolamento della tassa.

Nel dettaglio, Lopez chiede chiarimenti sulla quantificazione relativa all'extra-alberghiero, “valore attualmente assente nel regolamento approvato – scrive in una nota il presidente dell’associazione -  ed informazione utile nonché necessaria da poter comunicare agli ospiti che di fatto hanno già una prenotazione per il 2017 o per quelli potenziali che, sulle Ota, sul sito web della struttura o semplicemente per telefono, vorranno conoscere l'offerta economica relativa al pernottamento e se va pagata l'imposta”.

Lopez lamenta anche “la mancata consegna del materiale informativo da esporre in struttura e della modulistica da compilare necessaria per l'esazione, ambedue previsti nel regolamento” e “l'attuale mancata istituzione della Consulta permanente composta dagli operatori del settore turistico che, come indicato dalla normativa approvata, avrà delle importanti funzioni consultive in merito all'impiego degli introiti dell'imposta nonché a limare alcune indicazioni operative presenti nell'attuale regolamento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento