Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Tassa di soggiorno, la rivolta degli operatori turistici: "Bisogna usarla per aiutare il settore e non per finanziare manifestazioni"

La protesta arriva dalle associazioni “Tante case tante idee”, Abba, Assoturismo, Assohotel e Confesercenti

Tassa di soggiorno destinata a finanziare strade e manifestazioni? Molti operatori turistici non ci stanno e minacciano di non farla più pagare ai clienti che frequentano le strutture aderenti a numerose associazioni d categoria.

Tiene ancora banco, dunque, la polemica sulla destinazione dei fondi alimentate dalla tassa di soggiorno.

Una vera e propria rivolta che parte dalla citazione del decreto legislativo n. 23/2011 che stabilisce che il gettito derivante dall'imposta di soggiorno “deve essere destinato a finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali”. 

“Ma ad Agrigento - si legge in una nota delle associazioni “Tante case tante idee”, Abba, Assoturismo, Assohotel e Confesercenti - la destinazione dei fondi raccolti è stata ben diversa. Si sono finanziate strade e manifestazioni con la vecchia amministrazione e, nonostante le promesse fatte in campagna elettorale, anche la nuova amministrazione sta ripercorrendo la strada della precedente senza ascoltare le indicazioni che pervengono dalla consulta del turismo. Un chiaro esempio viene dal finanziamento delle manifestazioni di fine agosto indette dal Comune. La tassa di soggiorno dev’essere un tesoretto utile per migliorare l'offerta turistica e su questo siamo tutti d'accordo. Per questo le associazioni “Tante Case Tante Idee”, Abba, Assoturismo, Assohotel, Confesercenti hanno dato incarico ai legali di valutare la possibilità di non far più pagare l’imposta ai clienti che frequentano le strutture degli associati, invitando al contempo le altre associazioni e gli albergatori a fare lo stesso, almeno fino a quando l'amministrazione comunale non tornerà sui suoi passi concordando con la Consulta sul Turismo la destinazione dei fondi raccolti dalle strutture turistiche e che, si ricorda, devono servire a migliorare l’offerta”. 

In particolare Enzo Agrò di Conflavoro ha esortato il sindaco di Agrigento, Francesco Miccichè, presidente della Consulta del turismo, a riconoscere il giusto ruolo alla consulta, ovvero recepire l’indirizzo dato dagli operatori. Questi chiedono che il tesoretto della tassa di scopo debba essere ben speso e in modo produttivo perché rappresenta una risorsa utile per rilanciare il turismo nella città di Agrigento. Gli associati suggeriscono di cominciare dalla programmazione: “Altrimenti ci si ritroverà a dover spendere soldi senza che siano utili al turismo del territorio”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa di soggiorno, la rivolta degli operatori turistici: "Bisogna usarla per aiutare il settore e non per finanziare manifestazioni"

AgrigentoNotizie è in caricamento