menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Imposta di soggiorno, è caccia ai "furbetti": via a controlli nelle strutture turistiche

Ad annunciare un'attività di verifica è l'assessore alle Attività produttive Francesco Picarella

Con l'attività turistica ancora al palo a causa della pandemia, il Comune di Agrigento si mette all'opera per fronteggiare in prospettiva l'abusivismo e la conseguente elusione dell'imposta di soggiorno.

"L’approssimarsi della stagione estiva, rappresenta il momento adatto a constatare le specifiche criticità del settore - spiega l'assessore alle Attività produttive Francesco Picarella -. Nell’ottica di un’adeguata azione di prevenzione ed analisi, mirata a limitare il fenomeno dell’abusivismo abbiamo avviato un'attività di accertamento documentale delle autorizzazioni e concessioni, anche analizzando la presenza di strutture presenti nei principali motori di ricerca e prenotazione. La concorrenza è quella condizione nella quale più imprese competono sullo stesso mercato, inteso come l’incontro ideale tra domanda e offerta, producendo gli stessi beni o servizi, per tale motivo abbiamo avviato una attività di controllo degli iter autorizzativi per analizzare e successivamente invitare gli operatori al rispetto della legge, al fine di tutelare le strutture che rispettano le regole ed a garanzia e sicurezza dei turisti".

In realtà nulla di nuovo sotto il sole, stante che già da tempo si era rilevata la difformità tra i numeri delle strutture presenti appunto sui portali di prenotazione e quelle che invece sono regolarmente iscritte nei registri pubblici e, soprattutto, pagano l'imposta di soggiorno.

Che poi possa essere un'ipotesi stoppare il pagamento dell'imposta stante la situazione devastante del comparto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento