menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli animatori Davide Lentini e Francesco Caramanno

Gli animatori Davide Lentini e Francesco Caramanno

Torna "Tartaworld", educazione ambientale nelle spiagge agrigentine

Da Sciacca a San Leone attività di sensibilizzazione sui pericoli che minacciano la popolazione della tartaruga marina Caretta caretta

Torna da questa settimana, e sino a tutto il mese di settembre,  il “Tartaworld”, programma di informazione e sensibilizzazione sui pericoli che minacciano la popolazione della tartaruga marina Caretta caretta, che si svolge nell’ambito del progetto Life “Tartalife-Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale”, finanziato dall'Unione Europea, e che vede tra i suoi partner anche il Libero Consorzio Comunale di Agrigento (Cnr-Ismar ente capofila).  

Il programma dell’estate 2016  prevede diversi eventi organizzati da tutti i partner del progetto sui litorali, ma anche nelle sedi delle aree marine protette e nei centri di recupero.  L’attività sulle spiagge dell’Agrigentino sarà svolta da Francesco Caramanno, Davide Lentini, Veronica Gallo e Luisa Maietta, gli animatori selezionati dal Libero Consorzio lo scorso anno all’avvio del programma, che si concluderà nel 2018. 

Oggi le attività svolgono a Sciacca nella spiagga di contrada Foggia, mentre domenica prossima, 26 giugno, si svolgeranno rispettivamente a San Leone (Lido Acqua Selz) e a Sciacca (Timpi Rossi-Lumia). Gli incontri e le attività di animazione coinvolgeranno nei mesi estivi tutti i comuni della zona costiera, da Licata a Menfi.

“Tartaworld” ha lo scopo di sensibilizzare i turisti, le popolazioni residenti, le amministrazioni locali e il grande pubblico sulla necessità di adeguate misure di conservazione della Caretta caretta e dell’habitat marino. Le attività di animazione prevedono giochi e laboratori, per coinvolgere ragazzi e adulti sulle tematiche ambientali ed accrescere la conoscenza della biodiversità marina del Mediterraneo, il rispetto e la tutela degli habitat e degli ecosistemi, e soprattutto l’importanza delle regole comuni per la tutela delle risorse naturali. 

Gli incontri saranno promossi e pubblicizzati attraverso locandine e depliant informativi distribuiti in tutte le località interessate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento