Dopo ottanta giorni la schiusa delle tartarughe, che spettacolo a Lampedusa

Il nido è stato monitorato giorno dopo giorno dai volontari di Legambiente

Dopo ottanta giorni Lampedusa ha assistito ad un vero e proprio spettacolo della natura. Tutto è accaduto nella spiaggia della Guitgia si sono schiuse le prime uova di Tartaruga marina Caretta caretta, deposte lo scorso 28 luglio. L'area, secondo quanto fatto sapere da Legambiente, è stata sorvegliata e monitorata senza sosta.

Alla chiusa era presenta, tra gli altri, anche il comandante dell’Ufficio circondariale Marittimo di Lampedusa, Tv Marco Ferreri, che con propria ordinanza aveva emanato le regole dell’uso a tutela del sito di ovodeposizione.

Gli operatori di Legambiente, subito dopo la deposizione,  avevano provveduto a recintare l’area, per garantire la salvaguardia delle uova in incubazione, che durante questi mesi sono state sorvegliate con cura anche da numerosi visitatori e dal personale della ditta concessionaria demaniale Guitgia Beach al cui interno era stato deposto il nido.

"Nelle prossime notti - fanno sapere i volontari - altre tartarughe continueranno a nascere, per questo il nido sarà costantemente monitorato dagli operatori Legambiente della riserva fino alla conclusione della schiusa. Legambiente rivolge un ringraziamento particolare alla Guardia costiera di Lampedusa e all’area marina protetta Isole Pelagie per il supporto e la collaborazione offerti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento