rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Favara

Tarsu a Favara, il paradosso dei cittadini che pagano due volte

Chi si trasferisce in altro comune viene considerato presente a Favara fino al 31 dicembre, anche se il cambio di residenza sia avvenuto addirittura ad inizio di anno

La tassa sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani viene pagata facendo riferimento all’estensione in metri quadrati dell’abitazione o dei magazzini e al numero dei componenti costituenti il nucleo familiare. Avviene, però, che in base al regolamento Tarsu del Comune di Favara chi si trasferisce in altro comune viene considerato presente a Favara (ma non ai fini anagrafici) fino al 31 dicembre, anche se il cambio di residenza sia avvenuto addirittura ad inizio di anno. Un paradosso anche perché chi è andato via da Favara si trova a pagare due tributi, uno nel comune di nuova residenza e un altro in quello da cui è andato via.

A cercare di correggere l’irragionevole situazione ci stanno provando i consiglieri comunali Calogero Castronovo e Laura Mossuto che hanno chiesto al sindaco e alla dirigente del servizio tributi di avviare le pratiche per modificare il regolamento in modo che i cittadini che emigrano da Favara paghino la Tarsu limitatamente ai mesi di effettiva occupazione dell’immobile o, in alternativa, ai primi sei mesi dell'anno, così come avviene per Agrigento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tarsu a Favara, il paradosso dei cittadini che pagano due volte

AgrigentoNotizie è in caricamento