rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Cammarata

La tassa sui rifiuti sarà restituita a cittadini e imprese con il progetto “Remunero”: ecco come funziona

In questo modo si distribuisce ricchezza, si incentiva la cura ambientale e si abituano gli utenti a una migliore gestione della raccolta differenziata

Il 100% della Tari sarà restituita a cittadini e imprese con l'avvio del progetto "Remunero" a Cammarata. Gli utenti che adotteranno un comportamento virtuoso nel conferimento dei rifiuti potranno infatti richiedere la "Remunero card" e riceverannoil totale della Tari versata da utilizzare nel proprio territorio. In questo modo si distribuisce ricchezza, si incentiva la cura ambientale e si abituano gli utenti a una migliore gestione della raccolta differenziata.

Ed è proprio Cammarata il primo Comune della provincia di Agrigento ad aderire al protocollo d’intesa con la società "Remunero" che garantisce una “premialità” agli utenti in regola con la tassa sui rifiuti.
Per ottenere la restituzione della Tari è sufficiente rispettare tre parametri: essere in regola con il pagamento del tributo, aver conferito correttamente i rifiuti e non ricevere multe di carattere ambientale. In più, per le aziende, è prevista una riduzione della base imponibile immediata fino a un massimo del 30%. Obiettivo finale è la restituzione del 100% della Tari ai cittadini e alle imprese del territorio. Si tratta di un accordo della durata di 5 anni che non comporta oneri per le amministrazioni comunali e prevede il pieno rispetto della privacy e dei dati personali.
“L’ambizioso progetto di Remunero che abbiamo deciso di mettere in atto per il Comune di Cammarata - dice il sindaco Giuseppe Mangiapane - è sicuramente uno strumento che incentiverà l’economia territoriale e delle famiglie. Abbiamo accettato di aderire al progetto perché crediamo nelle potenzialità della piattaforma Remunero che permetterà, nei prossimi anni, di ottenere risultati importanti nel recupero dell’evasione del tributo e un ulteriore monitoraggio puntuale sul corretto conferimento dei rifiuti. È un progetto che ci consente di conciliare la salvaguardia delle risorse ambientali con il benessere economico e la qualità sociale, attraverso un sistema di premialità riservato agli utenti virtuosi. Al tempo stesso non modifica il contratto di servizio con la società che gestisce l’appalto di raccolta rifiuti, mentre la restituzione dell’importo Tari degli utenti è totalmente a carico della società Remunero”.
Federico Orlando, amministratore e fondatore di "Remunero", illustra il protocollo d'intesa raggiunto con il Comune di Cammarata: “Migliorare l’ambiente e incentivare l’economia locale, coinvolgendo l’intera comunità. Tu contribuisci a un ambiente più pulito, noi contribuiamo ai tuoi acquisti, i tuoi acquisti contribuiscono a un’economia più ricca e trasparente. Insieme facciamo un mondo migliore. Siamo soddisfatti che il Comune di Cammarata abbia scelto di prendersi cura dell’ambiente, rafforzando la raccolta differenziata e dando la possibilità ai propri i cittadini e alle imprese del territorio di recuperare il 100% della Tari versata.”

Come funziona?

Per ogni utente che si registra sulla piattaforma di Remunero viene aperto un conto online e inviata una carta per i pagamenti: la Remunero Card. È prevista una commissione di transazione del 3,5% per sbloccare l'importo accreditato. Per i privati l'importo svincolato viene anticipato trimestralmente, così da verificare il comportamento virtuoso degli utenti, e può essere utilizzato solo all’interno del proprio territorio per pagare fino al 30% di ogni acquisto effettuato, creando così un sistema di economia circolare.

La Remunero Card: un esempio pratico

L’utente Tari riceve la Remunero Card con l’accredito del tributo pagato, che può spendere nella modalità indicata da Remunero presso tutti i soggetti titolari di partita IVA sul territorio, ai quali è stato attivato il conto Remunero.

Esempio: per un acquisto di 100 euro, si può pagare l’equivalente di 30 con la Remunero Card e i restanti 70 in contanti o con carte di credito. L’esercente emette lo scontrino per il 100% dell’importo, indicando lo sconto che va facoltativamente dall’1% al 30%, che invece viene monetizzato sul conto Remunero. Si ottiene così una riduzione della base imponibile al 70% dell’importo, senza obbligo di richiesta e rendicontazione all’Agenzia delle Entrate che viene effettuata in automatico dalla app di Remunero.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tassa sui rifiuti sarà restituita a cittadini e imprese con il progetto “Remunero”: ecco come funziona

AgrigentoNotizie è in caricamento