menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Costo della Tari, Agrigento è il quarto capoluogo più caro dell'isola

A rilevarlo è lo studio annuo di Cittadinanzattiva sulla Tassa sui rifiuti per l'anno 2019: la città è la nona città più cara in Italia

Tari, se dall'Amministrazione comunale annunciano una riduzione dei costi per il prossimo anno, per il 2019 Agrigento incassa il titolo, ben poco onorevole, di quarto capoluogo in Sicilia e nono in Italia per costo della Tari.

A certificarlo è l'annuale studio condotto da Cittadinanzattiva sulla somma pagata dai cittadini per il servizio di smaltimento dei rifiuti e igiene ambientale. Prendendo a riferimento,nel 2019 una famiglia tipo composta da 3 persone con casa di proprietà di 100 metri quadri,  la tassa ha  un costo di 425 euro, 4 in più del 2018 a fronte tra l'altro di una media isolana di "appena" 399 euro.

Prima in Sicilia e tra le prime in italia è Catania, con 504 euro (contro le 435 dello scorso anno), seguita da Trapani (475 euro, con una diminuzione comunque rispetto al 2018, quando si pagò 571 euro), e Siracusa (442 euro, stabile rispetto al 2018) e appunto Agrigento.

Molto meglio va a Caltanissetta, dove la Tassa è rimasta stabile nei due anni e si è soprattuto fermata a quota 288 euro, e ad Enna, dove si pagano 280 euro contro i 290 dello scorso anno. Meglio di noi vanno anche le grandi città come Palermo, dove si paga 309 euro (+2 euro rispetto al 2018) e Messina, dove la tariffa è di "appena" 419 euro (+3 euro rispetto al 2018).

Sui costi molto certamente ha pesato e continua a pesare quello per il conferimento fuori provincia, a causa dell'assenza di impianti in cui depositare i rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento