rotate-mobile
Sabato, 1 Ottobre 2022
Cronaca

L’Oasi Bar di Agrigento non chiude, bloccata ordinanza del Comune

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso di sospendere, al momento, il provvedimento firmato dagli uffici di Palazzo dei Giganti

Il famoso "Oasi bar", nel centro città di Agrigento, non chiuderà, al momento. Il Tribunale amministrativo regionale, infatti, accogliendo il ricorso proposto dagli avvocati Girolamo Rubino e Vincenzo Airò, ha sospeso il provvedimeno di sospensione dell'attività commerciale disposto dal Comune capoluogo dopo che, nel 2014, la Regione annullò in autotutela la concessione edilizia rilasciata per l'immobile "Ex Gil", il grande immobile rossiccio di epoca fascista che si trova in piazza Vittorio Emanuele.

Il Tar, ritenendo sussistente una situazione di “estrema gravità ed urgenza tale da non consentire neppure la dilazione dell’istanza cautelare” in sede collegiale, ha accolto la richiesta di misure cautelari monocratiche avanzata dagli avvocati Rubino e Airo’, stante il grave ed irreparabile pregiudizio economico derivante dall’imminente chiusura dell’Oasi Bar con evidenti danni di immagine per l’attività in questione e conseguente sviamento della clientela. Quindi, nelle more del giudizio di merito, sono stati bloccati gli effetti del provvedimento consentendo all'Oasi Bar di continuare ad esercitare la propria attività commerciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Oasi Bar di Agrigento non chiude, bloccata ordinanza del Comune

AgrigentoNotizie è in caricamento