rotate-mobile
Cronaca

"Tangenti all'Agenzia delle Entrate", il giudice prende tempo: sentenza martedì

Il gup era pronto ad emettere il verdetto a carico di ventiquattro imputati, poi la decisione "per fare una camera di consiglio più serena possibile"

Era attesa per questo pomeriggio alle 15, poi la previsione è stata posticipata di un’ora e infine la sentenza è slittata a martedì mattina alle 9. Il giudice dell’udienza preliminare Giuseppe Miceli non ha voluto forzare i tempi della camera di consiglio dei due filoni del processo scaturito dall’inchiesta “Duty free” che ipotizza un giro di tangenti all’Agenzia delle Entrate in cambio di favori e annullamenti di sanzioni tributarie.

Per tutta la mattinata di ieri c’è stata prima la replica del pm Andrea Maggioni e di alcuni difensori dello stralcio abbreviato del processo (undici gli imputati, l’accusa ha chiesto 8 condanne e 3 assoluzioni), poi alcuni interventi difensivi per i tredici imputati dell’udienza preliminare nei cui confronti il giudice dovrà decidere se disporre il rinvio a giudizio o il non doversi procedere.

Ad attendere il verdetto anche alcuni dei principali imputati, fra cui l’imprenditore Marco Campione (che nel dicembre di due anni fa finì ai domiciliari prima che riesame e Cassazione annullassero l’ordinanza) e il consulente del lavoro Antonio Vetro. Dopo ore di attesa il giudice ha deciso di posticipare la lettura “per fare una camera di consiglio il più serena possibile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tangenti all'Agenzia delle Entrate", il giudice prende tempo: sentenza martedì

AgrigentoNotizie è in caricamento