menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pattuglie di polizia e carabinieri

Pattuglie di polizia e carabinieri

Sventata la rapina a mano armata, denunciato un trentanovenne

Polizia e carabinieri, già poche ore dopo l'arresto del diciassettenne, avevano identificato l'uomo che - stando alle accuse - aveva fatto perdere le proprie tracce, scappando in aperta campagna

E' stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento il trentanovenne: M. R. che venerdì scorso sarebbe stato lungo la strada che collega Canicattì con Naro, laddove - secondo le ricostruzioni degli investigatori - stava per essere messa a segno una rapina a mano armata. 

Polizia e carabinieri, già poche ore dopo l'arresto del diciassettenne, avevano identificato l'uomo che - stando sempre alle accuse - aveva fatto perdere le proprie tracce, scappando in aperta campagna. A quanto pare, il trentanovenne, - dopo che polizia e carabinieri erano andati a cercarlo anche a casa - si sarebbe autonomamente presentato in caserma. E' stato, naturalmente, sentito. Ed è stata, poi, formalizzata la denuncia alla Procura.

Venerdì scorso, polizia e carabinieri hanno, di fatto, sventato una rapina a mano armata. Con il supporto dell'elinucleo dell'Arma di Palermo, sono riusciti a bloccare ed arrestare il minorenne. 

L'attività investigativa delle forze dell'ordine aveva permesso di intercettare, quella mattina, un'autovettura con a bordo due persone. Due uomini travisati. Due persone che - stando all'ipotesi investigativa - attendevano il passaggio di un corriere che doveva portare o prelevare denaro. 

Durante l'operazione, le forze dell'ordine sono anche riuscite a recuperare le armi che i due avrebbero avuto con loro: due pistole calibro 7,65. Una è risultata essere stata rubata a Fiumefreddo. Sull'altra risultano essere ancora in corso gli accertamenti tecnici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento