rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
I risvolti

Il suicidio della 15enne dopo gli stupri filmati, si indaga pure per estorsione sessuale

La procura di Agrigento ha trasmesso gli atti ai colleghi del tribunale dei minori dopo il ritrovamento di alcuni video con altre ragazzine: il sospetto è che ci possano essere state delle richieste di denaro col ricatto della divulgazione

Sei anni di indagini per arrivare a fare luce sul suicidio della diciassettenne che si è tolta la vita lanciandosi nel vuoto in un dirupo alla Rupe Atenea: quattro ragazzi (di cui due all'epoca dei fatti minorenni) sono indagati per l'accusa di averla violentata e filmato gli abusi.

L'inchiesta, tuttavia, che ha preso spunto dalla pubblicazione di un post straziante su facebook, con cui la ragazza, il 18 maggio del 2017, annunciava il suo gesto, avrebbe accertato anche altri fatti. Uno dei due giovanissimi, all'epoca dei fatti minorenne, sarebbe stato protagonista di altri video in cui era immortalato insieme ad altre ragazzine mentre consumava rapporti sessuali. Il sospetto degli inquirenti è che ci siano stati dei tentativi di estorsione ovvero che abbia chiesto del denaro in cambio della mancata divulgazione dei filmati che, evidentemente, erano stati girati a insaputa delle protagoniste.

La procura di Agrigento, coordinata dal reggente Salvatore Vella, ha da tempo trasmesso gli atti ai colleghi del tribunale minorile trattenendo per sè un altro fascicolo. Le due inchieste si sommano a quella di recente conclusa dai pm della procura di Palermo Luisa Bettiol e Giulia Amodeo che indagano per violenza sessuale di gruppo ai danni di minore e produzione di materiale pedopornografico.

Questo fascicolo ha come indagati due ventiseienni che, insieme a due ragazzini minorenni, nel 2015, avrebbero violentato la ragazzina quindicenne filmandola in almeno quattro circostanze. 

"Nessuno di voi sa e saprà mai con cosa ho dovuto convivere da un periodo a questa parte… Quello che mi è successo non poteva essere detto, io non potevo e questo segreto dentro di me mi sta divorando" - iniziava così la lunga e struggente lettera pubblicata su facebook. "Ho provato a conviverci e in alcuni momenti ci riuscivo così bene che me ne fregavo, ma dimenticarlo mai.. E allora ho pensato… Perché devo sopportare tutti i momenti no, Che pur fregandomene, sono abbastanza stressanti, se anche quando tutto va bene e come dico io, il mio pensiero è sempre là? Non sono una persona che molla, una persona debole, io sono prepotente, voglio cadere sempre in piedi e voglio sempre averla vinta, ma questa volta non posso lottare, perché non potrò averla vinta mai, come però non posso continuare a vivere così, anzi a fingere così...".

La squadra mobile, indagando su questo episodio, avvenuto il 18 maggio del 2017, dopo avere scartato alcune piste come, ad esempio, quella delle sette sataniche, è risalita ad alcuni video che immortalavano la diciassettenne, due anni prima, mentre faceva sesso di gruppo con quattro ragazzi, di cui due all'epoca minorenni. I quattro giovanissimi - è l'atto di accusa dei pm della procura di Palermo Luisa Bettiol e Giulia Amodeo - avrebbero abusato delle sue condizioni di inferiorità fisica e psichica "legata al consumo di sostanze alcoliche". Alla ragazza sarebbe stato intimato di restare ferma e non si sarebbero fermati neppure davanti al suo espresso rifiuto avendo la quindicenne, sostiene l'accusa, pronunciato frasi dal contenuto inequivocabile. "Non voglio", "non posso", "mi uccido", "no, ti prego.. mi sento male".

I pm della procura di Palermo hanno concluso le indagini preliminari per i due maggiorenni coinvolti nell'inchiesta, entrambi 27enni, di cui si omettono le generalità a tutela della privacy della presunta vittima, mentre per i due minorenni sta procedendo la procura minorile.

Con l'avviso di fine inchiesta i difensori dei due indagati - gli avvocati Daniela Posante e Antonio Provenzani - avranno venti giorni di tempo per prendere visione di tutti gli atti, produrre memorie, atti difensivi o sollecitare ulteriori atti di indagine. Il passo successivo potrebbe essere la richiesta di rinvio a giudizio.

Nelle scorse ore si è appreso dell'esistenza di altri due filoni investigativi aperti dalla procura minorile per degli episodi di presunta estorsione sessuale e dalla procura di Agrigento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il suicidio della 15enne dopo gli stupri filmati, si indaga pure per estorsione sessuale

AgrigentoNotizie è in caricamento