rotate-mobile
Il ricordo / Licata

Strage di Licata, i docenti ricordano il piccolo Vincenzo: “Bambino mite e generoso”

Entrambi i fratelli uccisi dallo zio hanno frequentato la stessa scuola che adesso è sotto choc per l'assurda tragedia

Vittime innocenti dei dissidi dei grandi, si sono infranti per questo i sogni di Vincenzo e Alessia, i fratelli di undici e di quindici anni assassinati con i genitori dallo zio Angelo Tardino. Vincenzo, oggi sarebbe dovuto tornare in classe, frequentava la seconda media dell'Istiuto comprensivo “Guglielmo Marconi” di Licata. I docenti lo hanno descritto come un bambino mite dal cuore grande e sempre allegro. Anche la sorella maggiore, Alessia ha frequentato lo stesso Istituto e nel girono del dolore, i professori ricordano anche la dedizione della loro madre, Alessandra Ballacchino nel seguirli costantemente nel loro percorso scolastico e nell'incentivarli ad essere partecipi a tutte le attività didattiche.

Strage a Licata, lite per l'eredità: uccide 4 familiari e poi si spara, tra i morti due ragazzi di 11 e 15 anni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Licata, i docenti ricordano il piccolo Vincenzo: “Bambino mite e generoso”

AgrigentoNotizie è in caricamento