menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una strada invasa dal fango e dai detriti

Una strada invasa dal fango e dai detriti

Strade invase dal fango, linee telefoniche in tilt e fulmini che centrano i contatori

La zona dell'Agrigentino che è risultata essere più colpita dall'ondata di maltempo è stata proprio quella fra Racalmuto, Canicattì, Ravanusa e Naro: al lavoro vigili del fuoco, polizia Stradale e Anas

Alberi sulle strade, ma anche fango e detriti. Fulmini che mandano in tilt le linee telefoniche ed incendiano i contatori elettrici di abitazioni private. Notte infernale, a causa del maltempo. 

A causa del forte temporale, sono andati in tilt le linee telefoniche del distretto sanitario di Canicattì. Impossibile ieri, per tutti gli utenti, riuscire ad agganciare la linea telefonica e l'azienda sanitaria provinciale rendeva noto: "Il problema, dovuto alle forti precipitazioni, sarà risolto nel più breve tempo possibile". La zona dell'Agrigentino che è risultata essere più colpita dall'ondata di maltempo è stata proprio quella fra Racalmuto, Canicattì, Ravanusa e Naro.

Fronde di alberi ed arbusti, durante la notte, sono stati abbattuti al suolo - dalle forti raffiche di vento - proprio nelle campagne di Ravanusa e sono dovuti intervenire i vigili del fuoco per sezionare gli "ingombri" e liberare la strada. Fango e detriti, invece, sulle statali 123 e 410, rispettivamente la Licata-Canicattì e la Naro-Canicattì.

A monitorare la situazione, contribuendo ad evitare incidenti stradali, all'alba di ieri, era la polizia Stradale che ha richiesto l'intervento dell'Anas per garantire la viabilità in piena sicurezza. E gli operai hanno rimosso tutti gli ostacoli, scongiurando incidenti stradali, e garantendo la percorrenza dei mezzi. Per entrambe le statali non è stato necessario chiuderle. Soltanto quando c'erano i detriti e il fango ancora sul manto stradale, autovetture e mezzi pesanti hanno dovuto procedere a rilento.

I forti temporali che si sono susseguiti, specialmente nel triangolo fra Canicattì, Ravanusa e Racalmuto, hanno anche determinato alcuni incendi di contatori elettrici di private abitazioni. Contatori che sono stati centrati in pieno da dei fulmini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento