menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il provvedimento è stato chiesto dalla Questura

Il provvedimento è stato chiesto dalla Questura

Una stele in memoria di un pregiudicato accanto don Bosco, la Questura chiede la rimozione

La struttura, fissata in un'aiuola a pochissimi metri dal monumento dedicato a don Bosco, è dedicata a Pierino Tutino, l'agrigentino morto dopo essere precipitato dal viadotto che collega il centro di Agrigento con la periferia

La Divisione anticrimine della Questura di Agrigento ha chiesto al Comune la rimozione di una stele affissa nella piazzetta di Agrigento dedicata a don Bosco, a poche centinaia di metri dalla cattedrale.

La struttura, fissata in un'aiuola a pochissimi metri dal monumento dedicato a don Bosco, riporta la frase "Sei stato grande. Hai lasciato un sorriso per tutti con la tua semplicità. Sarai sempre nei nostri cuori" e la foto di Pierino Tutino, l'agrigentino morto lo scorso 23 ottobre all'età di 54 anni mentre era ricoverato a Palermo dove era giunto dopo essere precipitato la sera prima da un viadotto che collega il centro di Agrigento con la periferia a nord.

La lapide in ferro e plexiglass dedicata a Tutino (che aveva precedenti per ricettazione, rapina, stupefacenti, lesioni, estorsione e anche associazione mafiosa, reato per il quale venne arrestato nel 2003, processato e infine assolto) ha fatto storcere il naso ad alcuni residenti del quartiere "Bibbirria" e ai parrocchiani della chiesa madre, che hanno anche chiesto un incontro al parroco per chiedere al sindaco di rimuovere quella stele.

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento e quelli della Polizia stradale stanno ancora indagando per far piena luce e scoprire la verità su quanto successo quella sera su quel viadotto. Intanto, però, la Divisione anticrimine, diretta dal primo dirigente della Polizia di Stato Giovanni Giudice, ha scritto al Comune chiedendo la rimozione di quel cippo commemorativo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento