menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Realmonte, Italkali: i sindacati proclamano lo stato di agitazione

Per i sindacati l'Azienda "in modo unilaterale e senza preavviso ha bloccato il pagamento dello straordinario di febbraio e marzo mettendo in atto un comportamento dal sapore provocatorio e intimidatorio che esaspera i lavoratori e spinge alla rottura dei rapporti"

A seguito dell’incontro tenutosi nella sede Italkali di Palermo con i rappresentanti dell’Azienda, alla presenza anche delle direzioni di Realmonte-Porto Empedocle e Racalmuto, Filctem Cgil, Felcam Cisl e Uiltec confermano la volontà di mettere in pratica tutte le disposizioni contenute nel Contratto collettivo nazionale di lavoro del settore miniere.

"La società - scrivono in una nota le organizzazioni sindacali - non agisce con altrettanta coerenza, non riconosce il premio di partecipazione a tutti li lavoratori, le indennità contrattuali, gli effettivi inquadramenti rispetto alle mansioni svolte, in particolare ai nuovi assunti, inoltre, si presenta ai tavoli negoziali senza proposte organiche su cui discutere e trovare le giuste soluzioni".

Gli stessi sindacati hanno voluto sottolineare che l'Azienda "in modo unilaterale e senza preavviso ha bloccato il pagamento dello straordinario di febbraio e marzo, effettuato dai lavoratori per esigenze di servizio, mettendo in atto un comportamento dal sapore provocatorio e intimidatorio che fa risaltare la mancata volontà di tenere buone relazioni industriali, esaspera i lavoratori e spinge alla rottura dei rapporti".

Motivi per i quali hanno, assieme ai lavoratori e alle Rsa, hanno formalizzato lo stato di agitazione della Unità operativa Italkali di Realmonte – Porto Empedocle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento