Cronaca

Stalking a sfondo sessuale a dipendente, sindacalista in aula: "Gli chiesi di calmarsi ma non mi ascoltò"

Pippo Alvaro, esponente del Cobas, rivela di avere fatto un tentativo bonario col direttore della Biblioteca Museo: "Per un paio di mesi ci fu un'attenuazione delle molestie ma poi riprese"

"Mi ha chiesto di intervenire in maniera informale per provare a porre un freno alla sua attività di continua persecuzione e, in effetti, dopo che mi occupai della questione ci fu un'attenuazione dei problemi per un paio di mesi". Pippo Alvaro, sindacalista del Cobas, racconta in aula l'attività persecutoria che, a suo dire, l'ex direttore della Biblioteca Pirandelliana ed ex sovrintendente Vincenzo Caruso, avrebbe compiuto ai danni di una dipendente che lo ha denunciato e fatto finire a processo per stalking.

"Un'impiegata della Biblioteca museo - ha detto rispondendo al pm e ai difensori di parte civile della donna, gli avvocati Arnaldo Faro e Giuseppe Arnone - si rivolse a me per chiedermi di intervenire. Mi raccontò che Caruso la perseguitava con continue allusioni a sfondo sessuale e la umiliava".

La vicenda muove i suoi primi passi nel 2011. La donna, esasperata dalle attenzioni del direttore che, secondo il suo racconto, avrebbe avuto atteggiamenti provocatori sul posto di lavoro finalizzati ad avere rapporti sessuali, decide - prima ancora di di chiedere l'intervento della magistratura - di rivolgersi al Cobas. "Decisi di andargli a parlare e fargli presente - ha raccontato Alvaro - che l'impiegata si lamentava dei suoi comportamenti e che rischiava di essere denunciato". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalking a sfondo sessuale a dipendente, sindacalista in aula: "Gli chiesi di calmarsi ma non mi ascoltò"

AgrigentoNotizie è in caricamento