rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Tribunale

Perseguita la figlia dopo che il tribunale gli vieta di vederla: 40enne a giudizio

L'uomo non si sarebbe rassegnato al provvedimento del giudice e avrebbe iniziato a seguirla e minacciare di morte i nonni materni alla quale era stata affidata

Non si rassegna al provvedimento del giudice, che gli aveva tolto la figlia affidandola ai nonni materni e impedendogli ogni contatto e visita, e inizia a perseguitare la ragazza seguendola nelle sue uscite e minacciandola di morte. Dopo le denunce dei nonni e le indagini dei carabinieri la vicenda approda in aula con la prima udienza dopo il rinvio a giudizio per un quarantenne che ha alle spalle alcuni precedenti per droga e maltrattamenti. 

L'uomo è accusato di stalking con la doppia aggravante dell'avere commesso il fatto con l'uso di strumenti informatici e telematici (ovvero whatsapp) e nei confronti della figlia minorenne. La vicenda risale ai mesi di febbraio e marzo del 2020. Il quarantenne, che negli anni scorsi fuggì in Germania per sottrarsi a una condanna nell'ambito di un'inchiesta antidroga, era stato destinatario di un provvedimento del tribunale, emesso l'anno prima, che sospendeva la responsabilità genitoriale e vietava in maniera temporanea "il prelevamento e i contatti del genitore con la figlia minore".

Il giudice Manfredi Coffari ha aperto il dibattimento e ammesso le liste dei testimoni e i mezzi di prova del pubblico ministero Gloria Andreoli, dei difensori di parte civile Teresa Alba Raguccia e Graziella Vella e del legale dell'imputato, l'avvocato Antonio Provenzani. Il 13 marzo saranno sentiti i primi testi.

L'uomo, non rassegnandosi di fronte al provvedimento del giudice, avrebbe deciso, in maniera reiterata, di molestare e minacciare la figlia quattordicenne seguendola al centro di commerciale di Villaseta, dove andava spesso per passeggiare o fare acquisti, e negli altri posti che frequentava. Destinatari delle minacce, in particolare, sarebbero stati i nonni materni ritenuti i responsabili della situazione. 

L'imputato avrebbe inviato numerosi messaggi vocali su whatsapp alla figlia etichettando i nonni come "gran bastardi che si meritano macinati". Nei messaggi, quindi, avrebbe prospettato rappresaglie che avrebbero provocato un "danno enorme". 

La ragazzina, quindi, secondo l'atto di accusa della procura della Repubblica, sarebbe stata costretta a cambiare le proprie abitudini di vita - da lì l'accusa di stalking - ed evitare di andare al centro commerciale nonchè uscire da casa solo se accompagnata da qualcuno in quanto temeva per la sua incolumità.
I nonni hanno, poi, presentato una denuncia ai carabinieri e da lì ne è scaturito un procedimento penale a carico del quarantenne. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perseguita la figlia dopo che il tribunale gli vieta di vederla: 40enne a giudizio

AgrigentoNotizie è in caricamento