Cronaca

"Stalking a sfondo sessuale", l'ex direttore della biblioteca museo Pirandello davanti al gup

Vincenzo Caruso avrebbe espresso apprezzamenti a sfondo erotico e atteggiamenti provocatori sul posto di lavoro "finalizzati ad avere rapporti sessuali"

L'avvocato Arnaldo Faro

Apprezzamenti a sfondo erotico e atteggiamenti provocatori sul posto di lavoro “finalizzati ad avere rapporti sessuali”. La donna, un'impiegata della Biblioteca museo “Luigi Pirandello”, avrebbe però rifiutato le avances del suo direttore che, per ripicca, avrebbe adottato alcuni atti amministrativi a lei sfavorevoli. L’ex responsabile della struttura, nonché attuale soprintendente di Caltanissetta, Vincenzo Caruso, 61 anni, rischia adesso un rinvio a giudizio per l’accusa di stalking. 

La vicenda è approdata in aula, davanti al gup Alessandra Vella, dopo che il gip Francesco Provenzano ha rigettato la richiesta della Procura di archiviare il caso e ha disposto l’imputazione coatta. La presunta vittima, all’udienza precedente, si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Arnaldo Faro. Ieri mattina anche il marito della donna ha chiesto di costituirsi parte civile con il patrocinio dell’avvocato Giuseppe Arnone. Il legale, però, subito dopo ha invitato il giudice ad astenersi in considerazione di un contenzioso in corso con lo stesso Arnone e l’udienza è stata rimandata al 15 marzo, giorno in cui sarà presa una decisione in merito alla richiesta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stalking a sfondo sessuale", l'ex direttore della biblioteca museo Pirandello davanti al gup

AgrigentoNotizie è in caricamento