Buio allo stadio "Esseneto"? In curva Sud i tifosi dell'Akragas accendono le torce

Il cielo era coperto dalle nuvole, così i sostenitori della squadra del patron Castronovo hanno ben pensato di trovare una soluzione alternativa. Un gesto che, quasi certamente, nasconde anche una chiave polemica

Foto di Giuseppe Alletto

L’Akragas, ieri pomeriggio, ha battuto la ProFavara. I biancazzurri si sono imposti due a zero. Una partita bella e avvincente, giocata allo stadio “Esseneto”. L’impianto sportivo agrigentino è stato il palcoscenico del derby di Eccellenza.  Ad un certo punto del match le nuvole hanno oscurato il cielo della città. Accendere le luci allo stadio Esseneto? Non si può. L’impianto sportivo non è dotato di illuminazione. “Ubi maior minor cessat” dicevano i latini, ed ecco la soluzione proposta dai tifosi dell’Akragas.

Tutti i tifosi della curva Sud hanno tirato fuori i cellulari dalle tasche, azionando la modalità: torcia. E' stato un colpo d'occhio.  La “sud” si è illuminata ed i sostenitori del “gigante” hanno così provato a dare una mano ai loro beniamini. Un gesto che ha anche una chiave polemica per un’illuminazione che negli anni è diventata davvero un caso.

L’Akragas vince sul campo, ma anche fuori. I tifosi, anche nel campionato di Eccellenza, hanno deciso di sostenere la causa biancazzurra. Ieri, gli agrigentini, erano presenti in massa allo stadio “Esseneto”, per un trend – stando ai numeri – che potrebbe migliorare domenica dopo domenica. Intanto, il colpo d’occhio dei tifosi del “gigante”, non è passato inosservato. Tanti hanno voluto immortalare il momento per una situazione che negli anni passati è stata davvero paradossale. 

(Foto Giuseppe Alletto)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento