Stabilizzazione del personale precario, la soddisfazione della Cgil

Tutti i lavoratori del Comune di Montevago hanno potuto firmare un contratto a tempo indeterminato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

La F.P. CGIL di Agrigento, esprime la propria soddisfazione per l’importante obiettivo raggiunto con la firma dei Contratti Individuali di Lavoro a Tempo Indeterminato dei quarantadue dipendenti, ormai ex “Precari” del comune di Montevago, formalizzata, ieri, durante la cerimonia svoltasi presso l’Aula Consiliare del Comune. 

Pietro Aquilino, Coordinatore Provinciale Enti Locali, tiene a puntualizzare che dietro a questo importante risultato, vi è un duro ed estenuante lavoro svolto dal sindacato nelle sedi Istituzionali Regionali e Nazionali, che ha permesso la stesura delle Leggi, senza le quali tutto questo non sarebbe stato possibile.

Niente più precaricariato per 44 lavoratori del Comune di Montevago

Ieri è stata scritta una indelebile pagina di storia, che ha coinvolto, non solo i Dipendenti e le loro famiglie, ma tutta la comunità di Montevago, e sicuramente renderà speciale l’arrivo del nuovo anno 2019. Un giusto riconoscimento va al Sindaco On. Margherita La Rocca Ruvolo ed al Segretario Dott. Maggio Livio Elia, che ha sapientemente guidato i Responsabili degli Uffici Comunali in questo virtuoso cammino. Questa è la prova, che quando si opera in sinergia: Sindacato, Lavoratori e Istituzioni è possibile raggiungere eccellenti risultati. Sicuri che lo straordinario risultato raggiunto al comune di Montevago, oltre a darci una ulteriore dose di fiducia, ci ricarica ulteriormente e ci stimola ad essere sempre più vicini agli Enti, che ancora oggi stentano a stabilizzare, affinché, anche loro nel rispetto della norma vigente, possano intraprendere un percorso virtuoso che si concluda con le definitive stabilizzazioni del personale precario attualmente utilizzato dagli stessi.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento